June 2022

Confronto artistico tra la Terra e l'esopianeta TOI-1807 b (Immagine Nardiello/NASA – Eyes-on-exoplanets)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” riporta uno studio dell’esopianeta TOI-1807 b, un pianeta roccioso scoperto nel 2020 grazie al telescopio spaziale TESS della NASA. Un team di ricercatori guidato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e dell’Università degli studi di Padova ha usato lo spettrografo HARPS-N installato sul Telescopio Nazionale Galileo (TNG) alle Canarie per condurre esami mirati di TOI-1807 b. La conclusione è che si tratta di un esopianeta un po’ più grande della Terra ma la principale peculiarità è che si tratta del più giovane del tipo con un periodo orbitale ultra-breve dato che ha un’età stimata a circa 300 milioni di anni e il suo anno dura circa 13 ore.

Il satellite CAPSTONE al decollo su un razzo Electron (Immagine NASA TV)

Poco fa il satellite CAPSTONE della NASA è stato lanciato su un razzo vettore Electron di Rocket Lab dalla base in Nuova Zelanda. Per circa sei giorni, lo stadio superiore Photon del razzo trasporterà CAPSTONE verso la Luna per poi separarsi e lasciare che compia un viaggio di oltre quattro mesi. Alla fine, questo satellite di classe CubeSat entrerà in una cosiddetta orbita halo quasi rettilinea per studiarne le dinamiche per almeno sei mesi. Si tratta dell’orbita in cui dovrebbe essere immesso il Gateway lunare della NASA, un elemento fondamentale del programma Artemis, perciò è necessario verificare che non vi siano problemi inaspettati, il che include le comunicazioni.

Sulla sinistra la galassia NGC 1309 e sulla destra una serie di immagini dell'area dove è avvenuta la supernova SN 2012Z catturate nel corso degli anni

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta uno studio delle conseguenze della supernova catalogata come SN 2012Z, considerata del tipo Iax che significa che si tratta dell’esplosione di una nana bianca. Un team di ricercatori ha usato il telescopio spaziale Hubble per studiarne i resti scoprendo che la stella è sopravvissuta alla supernova ed è perfino più brillante di prima. Una possibilità è che l’esplosione sia stata troppo debole per spargere i resti della nana bianca nello spazio interstellare con la conseguenza che essi hanno cominciato a riaggregarsi.

Un'area del cratere Gale su Marte (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

La NASA ha pubblicato i risultati delle analisi di dati recentemente raccolti dal Mars Rover Curiosity durante il suo viaggio di risalita del Monte Sharp su Marte. Dopo aver trascorso anni in aree del cratere Gale che circondano la zona dove c’erano ancora molte tracce dell’antichissima presenza di acqua, Curiosity ha cominciato a viaggiare in una zona di transizione da una regione ricca di argilla a una piena di sale solfato. L’interesse per quella zona è dato dal fatto che mostra le tracce dei grandi cambiamenti climatici che hanno trasformato un pianeta che quand’era giovane era simile alla Terra nell’attuale pianeta rosso.

Uno dei sistemi stellari nell'ammasso della Vergine visto dal telescopio spaziale Hubble (Immagine cortesia Michael Jones)

Un articolo sottoposto per la pubblicazione alla rivista “The Astrophysical Journal” riporta la scoperta di sistemi di stelle che sono perfino più piccoli di una galassia nana e sono isolati da qualsiasi normale galassia. Un team di ricercatori ha esaminato un catalogo di nubi di gas trovate in un’indagine precedente alla ricerca di nuove galassie scoprendo piccoli gruppi che contengono soprattutto giovani stelle blu sparse in modo irregolare all’interno dell’ammasso galattico della Vergine. Si tratta di casi analoghi a quello catalogato come SECCO 1, scoperto sempre nell’ammasso della Vergine e riportato in un articolo pubblicato nel febbraio 2018 sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society”. La scoperta di altri gruppi di quel tipo potrà aiutare a capirne l’origine.