February 2021

Il sistema di SU Aurigae (mmagine ESO/Ginski et al.)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Letters” riporta una ricerca sulla giovanissima stella SU Aurigae, o semplicemente SU Aur, e sul disco protoplanetario attorno ad essa. Un team di ricercatori ha utilizzato nuove osservazioni condotte con lo strumento SPHERE sul VLT combinandole con vecchie osservazioni condotte con lo strumento NaCo, sempre sul VLT, con il telescopio spaziale Hubble e con il radiotelescopio ALMA per studiare il disco. Esso possiede una sorta di coda di polvere che arriva da una nebulosa che probabilmente è il risultato di una collisione tra la stella e una nube di gas e polveri.

La cometa P/2019 LD2 vista da Hubble (Immagine NASA, ESA, STScI, B. Bolin (IPAC/Caltech))

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astronomical Journal” riporta una descrizione delle caratteristiche della cometa P/2019 LD2. Un team di ricercatori ha utilizzato osservazioni condotte con vari telescopi spaziali e al suolo per esaminare P/2019 LD2 durante il suo passaggio vicino al pianeta Giove che l’ha portata vicina agli asteroidi troiani al punto che inizialmente era stata scambiata per uno di essi.

I resti della supernova SN 1987A visti dal telescopio spaziale NuSTAR e dall'Osservatorio per i raggi X Chandra assieme a un'illustrazione della pulsar che alimenta una nebulosa del tipo pulsar wind nebula

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta nuove prove che una stella di neutroni si è formata dopo la supernova SN 1987A. Un team di ricercatori guidato da Emanuele Greco, dottorando dell’Università di Palermo e associato all’Istituto nazionale di astrofisica (INAF) ha utilizzato osservazioni condotte con l’Osservatorio per i raggi X Chandra e il telescopio spaziale NuSTAR, entrambi della NASA, per individuare emissioni che sono compatibili con una cosiddetta pulsar wind nebula, una nebulosa che emette raggi X alimentata da una pulsar, che è appunto un tipo di stella di neutroni, al suo interno.

Il cargo spaziale Cygnus Katherine Johnson catturato dal braccio robotico Canadarm2 (Immagine NASA TV)

La navicella spaziale Cygnus di Northrop Grumman, partita sabato 20 febbraio, ha appena raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale ed è stata catturata dal braccio robotico Canadarm2. L’astronauta Soichi Noguchi, assistito dal collega Michael Hopkins, inizierà fra poco la lenta manovra per spostare la Cygnus fino a farla attraccare al modulo Unity della Stazione dopo circa due ore.

Il cargo spaziale Cygnus Katherine Johnson al decollo in cima a un razzo Antares (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Cygnus di Northrop Grumman è decollata su un razzo vettore Antares dal Mid-Atlantic Regional Spaceport (MARS), parte della Wallops Flight Facility (WFF) della NASA sull’isola Wallops. Dopo circa nove minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. È alla sua quindicesima missione ufficiale, chiamata NG-15 oppure CRS NG-15, di trasporto di rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale per conto della NASA.