Massimo Luciani

Vedi pagina About per la biografia e informazioni per i contatti sui social media.

See About pagefor biography and social media contact information.

SN 2016iet è una probabile supernova a instabilità di coppia

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta uno studio sulla supernova SN 2016iet. Un team di ricercatori ha usato una serie di telescopi per raccogliere dati su di essa. Quasi tre anni di studio hanno seguito il suo primo avvistamento, avvenuto il 14 novembre 2016, portando a stimare che la stella progenitore avesse una massa circa 200 volte quella del Sole che è esplosa in quella che sembra il primo caso con forti indizi di supernova a instabilità di coppia, che si conclude con la totale distruzione della stella.

La Luna brilla nei raggi gamma

Un’analisi della luminosità ai raggi gamma della Luna compiuta da Mario Nicola Mazziotta e Francesco Loparco dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Bari usando lo strumento Large Area Telescope (LAT) del telescopio spaziale per i raggi gamma Fermi della NASA ha rivelato che a certe lunghezza d’onda elettromagnetiche la Luna è più luminosa del Sole. Si tratta del risultato dell’interazione della Luna con i raggi cosmici perciò le osservazioni di quei raggi gamma offrono nuove informazioni su eventi cosmici molto energetici ma anche sull’ambiente lunare, il cui studio è diventato più importante in seguito ai nuovi progetti di missioni lunari con astronauti.

Un articolo sottoposto per la pubblicazione sulla rivista “Astrophysical Journal Letters” riporta la scoperta di otto lampi radio veloci ripetitivi. La collaborazione CHIME/FRB, il team di scienziati che usa il radiotelescopio CHIME proprio per cercare questi fenomeni, ha raccolto le prove di questi nuovi lampi radio veloci dopo che mesi fa aveva annunciato la scoperta del secondo evento ripetitivo. Ciò suggerisce che questi fenomeni non siano così rari rispetto a quelli non ripetitivi ma che solo recentemente abbiamo trovato il modo di rilevarli.

La posizione del pianeta in fase di formazione (Immagine ESO/ALMA)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” riporta la scoperta di prove dell’esistenza di un pianeta in fase di formazione nel disco protoplanetario che circonda la stella HD 97048. Un team guidato da Christophe Pinte ha utilizzato una tecnica che è stata sperimentata in un’occasione precedente che identifica aree in cui il flusso di gas attorno a una stella viene disturbato dalla presenza di un pianeta. I dati raccolti usando il radiotelescopio ALMA hanno permesso di individuare un pianeta con una massa stimata tra due e tre volte quella di Giove.