Buchi neri

Blog che parlano di buchi neri

Una coda per un gruppo di galassie attratte dall'ammasso Abell 2142

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” descrive l’osservazione di un piccolo gruppo di galassie attratto dall’ammasso galattico Abell 2142 e avvicinandosi ad esso si è creata una scia di gas caldissimo. Un team di ricercatori guidati da Dominique Eckert, ora all’istituto tedesco Max Planck per la fisica extraterrestre, che include ricercatori italiani, ha usato l’osservatorio spaziale per i raggi X Chandra della NASA per rilevare le emissioni da una sorta di coda che si estende per oltre un milione di anni luce.

Una galassia ad anello con molte sorgenti di raggi X ultraluminose

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astrophysical Journal” descrive la rilevazione di una serie di sorgenti di raggi X nell’anello della galassia AM 0644-741. Un team di ricercatrici italiane guidato da Anna Wolter dell’INAF di Brera ha usato osservazioni dell’osservatorio per i raggi X Chandra della NASA per scoprire quelle sorgenti ultraluminose concludendo che l’anello che le contiene è composto da sistemi binari che includono buchi neri o stelle di neutroni e che l’anello si è formato in seguito a una collisione tra galassie.

Una galassia Hot DOG vista ai raggi X

Un articolo in fase di pubblicazione sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” descrive la prima osservazione dettagliata ai raggi X di una galassia catalogata come W1835+4355 di un raro tipo perché al suo centro c’è un quasar del tipo Hot DOG (Hot Dust-Obscured Galaxies). Un team guidato da Luca Zappacosta dell’INAF di Roma ha usato dati raccolti dai telescopi spaziali XMM-Newton dell’ESA e NuSTAR della NASA per ottenere le rilevazioni più accurate delle emissioni di raggi X da parte di una galassia Hot DOG. Ciò sarà utile per capire meglio la natura di questo tipo di galassie e l’attività del buco nero supermassiccio al loro centro.

Concetto artistico del sistema Cygnus X-1 (Immagine NASA/ESA Hubble)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive osservazioni senza precedenti della materia attorno a un buco nero. Un team di ricercatori ha usato i dati rilevati usando un polarimetro a raggi X a bordo del satellite PoGO+ per ottenere informazioni sulla parte di raggi X duri che vengono riflessi dal disco di accrescimento attorno al buco nero del sistema Cygnus X-1 e identificare la forma della materia che lo compone.

L'eco di GRB 161219B

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astrophysical Journal” descrive lo studio di una sorta di eco generato da un lampo gamma catalogato come GRB 161219B emesso da un buco nero neonato. Le emissioni di raggi gamma sono durate solo sette secondi ma emissioni ad altre frequenze elettromagnetiche sono durate anche per settimane e ciò ha permesso a un team di astronomi di usare il radiotelescopio ALMA per studiare quelle a lunghezze d’onda millimetriche. Esse hanno offerto altre informazioni sul lampo gamma e sulle caratteristiche dei suoi potenti getti.