Roscosmos

Blog che parlano delle attività di Roscosmos, l’agenzia spaziale russa.

Nick Hague, Alexey Ovchinin e Hazzaa Ali Almansoori assistiti dopo l'atterraggio (Immagine NASA TV)

Poco fa l’astronauta Nick Hague e il cosmonauta Alexey Ovchinin sono tornati sulla Terra sulla navicella spaziale Soyuz MS-12, atterrata in Kazakistan. La Soyuz MS-12 è atterrata sul fianco ma ciò non ha creato problemi all’equipaggio. I due hanno trascorso poco più di 6 mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, dov’erano arrivati il 15 marzo 2019 come parte della Expedition 59. Assieme a loro c’era Hazzaa Ali Almansoori, che ha trascorso 8 giorni sulla Stazione.

La navicella spaziale Soyuz MS-15 al decollo su un razzo Soyuz (Foto NASA/Bill Ingalls)

Poche ore fa la navicella spaziale Soyuz MS-15 ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale. Era partita poco più di sei ore prima dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan con a bordo tre nuovi membri dell’equipaggio: Oleg Skripochka e Jessica Meir a completare la Expedition 61 e Hazzaa Ali Almansoori, che trascorrerà 8 giorni sulla Stazione.

La navicella spaziale Soyuz MS-14 si allontana dalla Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)

Poche ore fa la navicella spaziale Soyuz MS-14 è atterrata senza problemi in Kazakistan. Qualche ora prima aveva lasciato la Stazione Spaziale Internazionale, dove era arrivata il 27 agosto scorso. Il ritorno sulla Terra termina una missione di test che è stato compiuto senza cosmonauti a bordo di una navicella utilizzata generalmente per il trasporto di esseri umani. In questo caso a bordo c’era il robot Skybot F-850, soprannominato Fedor.

La navicella spaziale Soyuz MS-14 durante il tentativo di attracco (Immagine NASA)

Poche ore fa la navicella spaziale Soyuz MS-14, partita poco più di due giorni fa dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, ha tentato di attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale ma un problema nelle comunicazioni ha portato ad abortire la manovra. I cosmonauti Alexey Ovchinin e Alexander Skvortsov stanno lavorando assieme all’agenzia spaziale russa Roscosmos per ritentare l’attracco lunedi mentre la Soyuz MS-14 rimane a distanza di sicurezza.