ESA

Blog che parlano di attività dell’ESA

Rilevazioni al polo sud di Marte

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” descrive la scoperta di un lago sotterraneo su Marte composto di acqua allo stato liquido. Un team di ricercatori guidato da Roberto Orosei dell’INAF e composto da ricercatori appartenenti a centri di ricerca ed università italiane (Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), Università degli studi Roma Tre, Università degli studi D’Annunzio, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e Sapienza Università di Roma) ha usato dati raccolti dal radar MARSIS della sonda spaziale Mars Express dell’ESA per raccogliere le prove che al polo sud a circa 1,5 chilometri di profondità l’acqua è liquida.

La mappa finale della radiazione cosmica di fondo (Immagine ESA/Planck Collaboration)

L’ESA ha presentato la mappa finale della radiazione cosmica di fondo creata grazie alle rilevazioni della sonda spaziale Planck Surveyor. Questa mappa mostra com’era l’universo prima che si formassero le galassie, quando aveva circa 380.000 anni. Si tratta dei risultati dell’ultima elaborazione dei dati raccolti e ora gli scienziati hanno la certezza che la temperatura e la polarizzazione sono determinate con accuratezza. Questa mappa finale conferma il modello standard ma anche l’incongruenza tra il calcolo della costante di Hubble basato su quei dati e quello basato su osservazione dell’universo attuale.

Schema di Hubble e Gaia al lavoro (Immagine NASA, ESA, and A. Feild (STScI))

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” descrive una nuova misurazione dell’espansione dell’universo. Un team di astronomi guidato dal premio Nobel Adam Riess ha combinato osservazioni effettuate con il telescopio spaziale Hubble e quelle effettuate con la sonda spaziale Gaia dell’ESA, un osservatorio che ha lo scopo specifico di mappare miliardi di oggetti nel cielo tra cui le stelle variabili chiamate variabili cefeidi usate per le misurazioni. I nuovi risultati aumentano la precisione ma anche la discrepanza tra le misure dell’espansione dell’universo vicino e quelle dell’universo primordiale.

Schema della scoperta dei barioni nel gas intergalattico

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la scoperta della materia ordinaria nell’universo che era ancora mancante all’appello. Un team di ricercatori guidato da Fabrizio Nicastro dell’INAF di Roma ha scoperto quella che tecnicamente viene chiamata materia barionica dopo averla cercata per quasi vent’anni usando il telescopio spaziale XMM-Newton dell’ESA tenendo sotto ossservazione il quasar 1ES 1553+113 fino a trovare le tracce di barioni nascosti nel materiale caldo e gassoso presente tra le galassie.

La navicella spaziale Soyuz MS-09 durante la manovra di attracco alla Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Soyuz MS-09, partita poco più di due giorni fa dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale con a bordo tre nuovi membri dell’equipaggio. Gli astronauti Serena Auñón-Chancellor della NASA e Alexander Gerst dell’ESA e il cosmonauta Sergey Prokopyev di Roscosmos completano ora l’equipaggio della Expedition 56.