La nebulosa Zucca mostra l’agonia finale di una stella

La nebulosa Zucca (Immagine ESA/Hubble & NASA. Acknowledgement: Judy Schmidt)
La nebulosa Zucca (Immagine ESA/Hubble & NASA. Acknowledgement: Judy Schmidt)

Una fotografia scattata dal telescopio spaziale Hubble ritrae la nebulosa Zucca (in inglese Calabash Nebula), una nebulosa protoplanetaria che mostra una fase dell’agonia di una stella di massa limitata, come il Sole. Questa nebulosa è conosciuta anche con il soprannome nebulosa Uovo Marcio perché il suo studio ha rivelato che nel gas che la circonda c’è un’elevata concentrazione di zolfo, l’elemento che causa la puzza caratteristica delle uova marce.

L’espressione “nebulosa protoplanetaria” è errata nel senso che in realtà questo tipo di nebulosa non ha nulla a che fare con la formazione dei pianeti. Essa deriva da “nebulosa planetaria”, che nel passato venne usata per indicare nebulose che ai vecchi telescopi limitati rispetto a quelli odierni mostravano similitudini con i pianeti gassosi del sistema solare. Queste espressioni sono rimaste nel gergo astronomico e possono generare confusione.

La fase di nebulosa protoplanetaria è immediatamente precedente a quella di nebulosa planetaria perciò negli ultimi anni viene anche chiamata nebulosa preplanetaria. Secondo gli astronomi, questa fase si esaurirà entro un millennio circa, un tempo che ci sembra lunghissimo ma che in termini astronomici è davvero un battito di ciglia. Per questo motivo, la scoperta della nebulosa Zucca è un colpo di fortuna.

La fase attuale segue quella di gigante rossa e qualche secolo fa ha cominciato a espellere gli strati più esterni di gas e polveri nello spazio. Nella nebulosa Zucca, tecnicamente indicata con la sigla OH 231.8+04.2, i materiali sono espulsi in direzioni opposte a velocità estremamente elevate. Nell’immagine il gas mostrato in giallo si sta muovendo a quasi un milione di chilometri l’ora.

Questa nuova immagine è il frutto di una composizione di esposizioni separate ottenute alla luce visibile e infrarossa di tre strumenti diversi del telescopio spaziale Hubble: Advanced Camera for Surveys (ACS), Wide Field and Planetary Camera 2 (WFPC2) e Wide Field Camera 3 (WFC3). Varie lunghezze d’onda sono state campionate utilizzando nove filtri diversi e i colori sono derivati dall’assegnazione di diverse tonalità per ogni immagine monocromatica associata a un singolo filtro.

La nebulosa Zucca è relativamente vicina dato che la sua distanza è di circa 5.000 anni luce dalla Terra. Anche questa è una fortuna perché aiuterà a studiarla, anche con gli strumenti che verranno costruiti nel futuro, per capire meglio le fasi finali della vita di stelle come il Sole.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *