Il vulcano Arsia Mons di Marte ha probabilmente cessato l’attività circa 50 milioni di anni fa

Arsia Mons (Immagine NASA/JPL/USGS)
Arsia Mons (Immagine NASA/JPL/USGS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Earth and Planetary Science Letters” descrive una ricerca sull’Arsia Mons, un vulcano del pianeta Marte. Un team guidato da Jacob Richardson del Goddard Space Flight Center della NASA ha esaminato immagini ad alta risoluzione scattate dalla sonda spaziale MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) per stabilire che l’Arsia Mons ebbe un picco di attività circa 150 milioni di anni fa e che la sua ultima attività terminò probabilmente circa 50 milioni di anni fa.

L’Arsia Mons è situato appena a sud dell’equatore del pianeta Marte e fa parte del gruppo dei Tharsis Montes assieme al Pavonis Mons e all’Ascraeus Mons. Si tratta di un vulcano a scudo, chiamato così per la forma dovuta a una lava molto fluida che si deposita più lontano rispetto ad altri tipi di vulcani la cui lava è molto più densa. La caldera dell’Arsia Mons ha un diametro di circa 110 chilometri e l’intero vulcano ha un diametro di circa 435 chilometri e un’altezza di circa 20 chilometri che lo rendono il secondo vulcano marziano per dimensione dopo l’Olympus Mons.

Lo scudo dell’Arsia Mons si è formato nel corso di miliardi di anni anche se i dettagli della sua storia non sono ancora chiari. Nella sua caldera sono state identificate 29 bocche vulcaniche e nel corso di questa ricerca il team di Jacob Richardson ha mappato i confini dei flussi di lava per ognuna di esse per determinarne varie caratteristiche. Ogni bocca vulcanica ha prodotto flussi di lava lunghi anche decine di chilometri e la loro età è probabilmente tra le più giovani su Marte visto che ci sono solo crateri relativamente piccoli in quei flussi di lava.

Le varie informazioni raccolte sono state utilizzate per determinare i tempi dell’attività del vulcano usando un nuovo modello informatico sviluppato appositamente dai ricercatori. Il numero di crateri viene comunemente usato come metodo di datazione perché maggiore è il numero più vecchio è il territorio, in questo caso i flussi di lava. I ricercatori hanno applicato anche altri metodi di datazione basati ad esempio su informazioni stratigrafiche.

Secondo i risultati, i flussi di lava più antichi risalgono a circa 200 milioni di anni fa mentre i più recenti sono avvenuti tra i 10 e i 90 milioni di anni fa con un picco di probabilità attorno ai 50 milioni di anni fa. Il picco di attività è risultato attorno ai 150 milioni di anni fa e all’epoca le bocche vulcaniche nella caldera dell’Arsia Mons producevano un totale tra 1 e 8 chilometri cubi di magma ogni milione di anni che aumentavano pian piano la dimensione del vulcano.

All’epoca del picco di attività, l’Arsia Mons creava periodicamente una nuova bocca vulcanica: il tempo tra una e l’altra era tra 1 e 3 milioni di anni mentre sulla Terra in regioni simili i vulcani creano una nuova bocca vulcanica ogni 10.000 anni circa. In sostanza, ci sono similitudini tra la storia dell’Arsia Mons e quella di vulcani terrestri ma ci sono anche varie differenze.

Capire il ciclo di vita dei vulcani marziani aiuta a capire meglio la storia di Marte e la struttura interna del pianeta che originava quell’attività vulcanica. Vulcani come l’Arsia Mons mostrano di aver avuto un’attività lungo un arco di tempo più lungo rispetto ai vulcani terrestri e questa nuova ricerca ha contribuito a ricostruire quella storia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *