Un fiume di stelle scoperto nel vicinato cosmico

Le stelle del fiume cosmico in rosso con una mappa prodotta da Gaia sullo sfondo (Immagine Meingast et al / Gaia DR2 skymap)
Le stelle del fiume cosmico in rosso con una mappa prodotta da Gaia sullo sfondo (Immagine Meingast et al / Gaia DR2 skymap)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” riporta la scoperta di quello che è stato definito un fiume di stelle, un flusso di stelle distanti poco più di 300 anni luce che occupa la maggior parte del cielo meridionale. Astronomi dell’Università di Vienna hanno usato informazioni raccolte dalla sonda spaziale Gaia dell’ESA e pubblicate nella cosiddetta Data Release 2 (DR2) per scoprire almeno 4.000 stelle che si stanno muovendo assieme nello spazio fin dalla loro formazione, avvenuta circa un miliardo di anni fa.

Le stelle della Via Lattea si formano generalmente in gruppi che possono essere anche molto numerosi all’interno di nubi di gas ma questi ammassi stellari tendono a sfaldarsi a causa dei tanti influssi gravitazionali esistenti all’interno della galassia. Per questo motivo, esistono molti ammassi neonati ancora all’interno di nubi molecolari, pochi ammassi di età media e avanzata nel disco galattico e ancor meno ammassi massicci e vecchi nell’alone galattico.

Il dottor Stefan Meingast, primo autore di questa ricerca, ha puntualizzato che perfino nel vicinato solare ci sono alcuni ammassi abbastanza massicci da rimanere legati per parecchie centinaia di milioni di anni. La conseguenza è che, in linea di principio, anche resti di ammassi che formano un flusso dovrebbero essere parte del disco galattico. Per cercarne le tracce, assieme ai suoi collaboratori ha sfruttato la precisione delle misurazione condotte dalla sonda spaziale Gaia per misurare i moti tridimensionali delle stelle nello spazio.

Il dottor João Alves, il secondo autore dell’articolo, ha paragonato la ricerca a quella del classico ago nel pagliaio e ha spiegato che gli astronomi stanno guardando da tempo il nuovo flusso dato che copre la maggior parte del cielo notturno ma solo ora, grazie al lavoro condotto da Gaia, si sono resi conto della sua natura e che è davvero vicino in termini astronomici. La vicinanza è un grosso vantaggio perché quelle stelle non sono troppo fioche o sfocate per ulteriori esplorazioni dettagliate.

La sonda spaziale Gaia sta conducendo un lavoro straordinario raccogliendo molte informazioni su una quantità enorme di oggetti cosmici ma la sua sensibilità è limitata perciò è stato possibile selezionare solo 200 di essi che hanno rivelato un gruppo di stelle che mostravano precisamente le caratteristiche attese in un ammasso di stelle nate assieme ma in via di separazione a causa del campo gravitazionale della Via Lattea. Estrapolando quei dati, i ricercatori hanno stimato che almeno 4.000 stelle sono incluse in quel fiume cosmico.

Verena Fürnkranz, studentessa all’Università di Vienna e terza autrice dell’articolo, ha aggiunto che nel momento in cui lei e gli altri ricercatori hanno indagato quel particolare gruppo di stelle in maggior dettaglio hanno capito che avevano trovato ciò che cercavano: una struttura con l’aspetto di un flusso che si estende per almeno 1.300 anni luce attraverso il cielo.

Anche questo fiume di stelle si disperderà nel tempo ma è un processo che potrebbe andare avanti per qualche centinaio di milioni di anni. Nel frattempo, sarà utile ad esempio per valutare gli effetti gravitazionali della Via Lattea in quel’area. Le informazioni pubblicate nella Data Release 2 di Gaia il 25 aprile 2018 stanno producendo molti studi, in questo caso offrendo una nuova visione di stelle che erano davvero davanti ai nostri occhi. I ricercatori sperano di trovare altre strutture di questo tipo ma è solo uno dei tanti tipi di ricerca astronomica che stanno traendo vantaggi dal lavoro di Gaia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *