Una mappa dei quattro ammassi galattici che si stanno fondendo in Abell 1758


Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta uno studio su Abell 1758, un quadruplo ammasso galattico formato da due coppie che sono in diverse fasi di fusione. Un team di ricercatori ha usato l’Osservatorio per i raggi X Chandra della NASA e altri telescopi per mappare questo gigantesco insieme di galassie. Ogni coppia è formata da centinaia di galassie avvolte in enormi quantità di gas caldo e di materia oscura invisibile. Queste osservazioni accurate aiuteranno a valutare meglio quanto ci vorrà perché avvengano le fusioni nelle due coppie di ammassi, le quali in futuro si fonderanno a loro volta formando un superammasso che costituirà uno dei più massicci oggetti dell’universo.

Distante circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra, Abell 1758 venne scoperto nel 1958 e inizialmente classificato come un unico ammasso galattico. Solo dopo quarant’anni circa le rilevazioni pionieristiche di raggi X dallo spazio grazie al satellite ROSAT permisero di capire che si trattava in realtà di due oggetti distanti tra loro circa 2,4 milioni di anni luce che vennero classificati come A1758N (Nord) e A1758S (Sud). I due oggetti sono legati gravitazionalmente ma non mostrano segni di interazione. Infine, nel 2004, osservazioni compiute con l’Osservatorio per i raggi X Chandra e il telescopio spaziale XMM-Newton dell’ESA hanno permesso di capire che i due ammassi sono anch’essi costituiti da coppie in diverse fasi di fusione.

L’immagine (X-ray: NASA/CXC/SAO/G.Schellenberger et al.; Optical:SDSS) mostra Abell 1758 mettendo assieme osservazioni ai raggi X di Chandra e di altri telescopi e osservazioni a frequenze ottiche della Sloan Digitized Sky Survey. Nella coppia A1758N i due ammassi sono in una fase avanzata di fusione e i loro centri si sono già incrociati. Nella coppia A1758S invece i due ammassi sono ancora in fase di avvicinamento. Le emissioni di gas caldo dei vari ammassi sono rappresentate in blu e bianco. Nel bordo superiore della coppia Nord c’è un’onda d’urto nei gas che ha permesso ai ricercatori di stimare che i due ammassi si stanno muovendo a una velocità tra i 3 e i 5 milioni di km/h l’uno rispetto all’altro.

Altre informazioni ricavate dalle osservazioni riguardano la distribuzione degli elementi pesanti. Nella coppia A1758N essi si trovano soprattutto tra i due centri degli ammassi perché la loro fusione ha influenzato quella distribuzione. Nella coppia A1758S gli elementi pesanti si trovano soprattutto nei centri degli ammassi perché devono ancora cominciare la fusione vera e propria perciò la posizione degli elementi pesanti non è stata ancora influenzata.

Le interazioni tra i vari ammassi galattici sono complesse e una delle conseguenze è che anche all’interno di ogni ammasso la velocità delle singole galassie è diversa. Alcune galassie sono maggiormente influenzate dalla forza di gravità dell’ammasso vicino e l’attrazione aumenta la loro velocità.

Ci vorranno milioni di anni prima che le coppie A1758N e A1758S completino le loro fusioni e probabilmente ci vorrà qualche miliardo di anni prima che si formi un unico superammasso. In sostanza, non c’è fretta di compiere nuove osservazioni per ottenere nuovi dettagli su ciò che sta avvenendo in Abell 1758. Nuovi strumenti permetteranno di studiare sempre meglio un ottimo esempio di fusione tra ammassi galattici.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *