Missione CRS-21 compiuta: la navicella spaziale Dragon di SpaceX è tornata sulla Terra

Il cargo spaziale Dragon lascia la Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)
Il cargo spaziale Dragon lascia la Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)

Poche ore fa la navicella spaziale Dragon di SpaceX ha concluso la sua missione CRS-21 (Cargo Resupply Service 21) per conto della NASA ammarando senza problemi nel Golfo del Messico, al largo delle coste della Florida. La Dragon aveva lasciato la Stazione Spaziale Internazionale martedi. Per SpaceX, era la prima missione del secondo contratto con la NASA per trasportare rifornimenti alla Stazione con la nuova versione del cargo Dragon, la prima ad ammarare vicino alla costa orientale degli USA invece che nell’Oceano Pacifico.

Poco dopo l’ammaraggio, le navi di SpaceX sono andate a recuperare la Dragon per trasportarla fino alla costa. I carichi riportati sulla Terra verranno consegnati alla NASA entro poche ore. La navicella spaziale Dragon aveva raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale il 7 dicembre 2020.

La navicella spaziale Dragon ha riportato sulla Terra circa 2 tonnellate di carichi vari che includono campioni biologici e vari esperimenti scientifici. Parte dei campioni è invece contenuta nei freezer perché è necessario mantenerli a basse temperature. La nuova versione del cargo spaziale Dragon ha una capacità di trasporto di campioni da riportare sulla Terra doppia rispetto alla prima versione.

Questo cargo spaziale Dragon ha riportato sulla Terra anche un carico particolare: dodici bottiglie di vino Bordeaux e una serie di rami di vite dopo oltre un anno trascorso sulla Stazione Spaziale Internazionale. Anch’essi verranno testati per valutare gli effetti della microgravità e delle radiazioni.

SpaceX è l’unica azienda americana ad avere una navicella spaziale in grado di riportare sulla Terra carichi intatti perciò le missioni della Dragon sono davvero importanti per la NASA. Campioni prodotti durante tanti degli esperimenti condotti sulla Stazione Spaziale Internazionale possono richiedere analisi approfondite possibili solo in laboratori specializzati sulla Terra.

L’ammaraggio al largo della Florida permette di ridurre i tempi di consegna dei carichi alla NASA da 48 ore a non più di 9 ore. Ciò riduce notevolmente l’influenza della gravità terrestre sui campioni biologici, aiutando i ricercatori nelle analisi degli effetti della microgravità della Stazione Spaziale Internazionale.

La prossima missione di rifornimento per il cargo spaziale Dragon potrebbe cominciare nel maggio 2021. Le date sono sempre approssimative e più che mai saranno importanti i risultati dei controlli sullo stato della Dragon appena ammarata. La nuova versione è stata progettata per riutilizzarne la sezione pressurizzata fino a cinque volte ma ciò è possibile solo se è in grado di mantenere l’integrità strutturale nelle sue missioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *