Galassie

Blog che parlano di galassie, singole o in ammassi

Le immagini catturate da TESS (NASA/MIT/TESS)

La NASA ha pubblicato una serie di immagini catturate dalle macchine fotografiche del telescopio spaziale TESS. Si tratta delle prime immagini scientifiche, quella che in gergo viene chiamata la prima luce, ottenute il 7 agosto 2018 dopo il periodo di test degli strumenti e mostrano il cielo australe. Le immagini ritraggono una quantità di stelle e altri oggetti tra i quali sistemi dove esopianeti sono già stati trovati. Lo scopo principale però è di scoprire nuovi esopianeti.

L'ammasso Abell 370 (Immagine NASA, ESA, A. Koekemoer, M. Jauzac, C. Steinhardt, and the BUFFALO team)

Sono state pubblicate le prime osservazioni del telescopio spaziale Hubble nel nuovo progetto BUFFALO, che ha lo scopo di far luce sull’evoluzione delle prime galassie dell’universo, anche per stabilire gli obiettivi più interessanti per le osservazioni del telescopio spaziale James Webb. L’ammasso galattico Abell 370 è il primo a essere oggetto di studio per questa nuova indagine assieme a una serie di galassie viste attraverso lenti gravitazionali.

Una galassia ad anello con molte sorgenti di raggi X ultraluminose

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astrophysical Journal” descrive la rilevazione di una serie di sorgenti di raggi X nell’anello della galassia AM 0644-741. Un team di ricercatrici italiane guidato da Anna Wolter dell’INAF di Brera ha usato osservazioni dell’osservatorio per i raggi X Chandra della NASA per scoprire quelle sorgenti ultraluminose concludendo che l’anello che le contiene è composto da sistemi binari che includono buchi neri o stelle di neutroni e che l’anello si è formato in seguito a una collisione tra galassie.

Un'antichissima galassia con un forsennato ritmo di formazione stellare

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la mappatura di una galassia conosciuta come COSMOS-AzTEC-1 che ha mostrato caratteristiche peculiari. Un team di astronomi ha utilizzato il radiotelescopio ALMA per studiare questa galassia di tipo starburst, una classe in cui c’è una notevole formazione stellare. COSMOS-AzTEC-1 è molto lontana perciò la vediamo com’era 12,4 mliardi di anni fa e molto massiccia e potrebbe essere la progenitrice delle odierne grandi galassie ellittiche perciò questo tipo di ricerca potrebbe fornire nuove informazioni sulla loro evoluzione.

Vista panoramica della Via Lattea (Immagine ESO/S. Brunier)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sulla formazione stellare nella Via Lattea. Secondo Masafumi Noguchi della Tohoku University ci sono stati due periodi di formazione stellare separati da ben 2 miliardi di anni. In sostanza, la nostra galassia ebbe un primo periodo in cui era vitale per poi morire e dopo circa 2 miliardi di anni riprendere a formare stelle in una sorta di seconda vita. Secondo questa teoria, durante quel periodo di morte il gas presente nella Via Lattea si è arricchito di ferro, il motivo per cui stelle come il Sole ne hanno una quantità maggiore rispetto ad altre.