Pianeti

Blog che parlano di pianet

Concetto artistico della distribuzione dei fulmini su Giove (Immagine NASA/JPL-Caltech/SwRI/JunoCam)

Due articoli, uno pubblicato sulla rivista “Nature” e uno pubblicato su “Nature Astronomy”, descrivono due ricerche sui fulmini gioviani. Un team guidato da Shannon Brown del JPL della NASA ha descritto i modi in cui i fulmini sul pianeta Giove sono analoghi a quelli sulla Terra anche se in qualche modo sono opposti. Un altro team guidato da Ivana Kolmašová della Czech Academy of Sciences di Praga ha creato il più vasto database di emissioni radio a bassa frequenza generate da fulmini su Giove, chiamati in gergo whistler. In entrambi i casi i ricercatori hanno usato dati raccolti dalla sonda spaziale Juno della NASA.

Il Mars Rover Curiosity e due elementi rilevati (Immagine NASA/GSFC)

In una conferenza stampa la NASA ha annunciato le ultime scoperte sul pianeta Marte ottenute grazie alle analisi effettuate dal Mars Rover Curiosity. In alcuni nuovi campioni prelevati in due siti del cratere Gale sono stati rilevati vari composti organici. Le misurazioni del metano presente nell’atmosfera di Marte indicano un ciclo stagionale in cui la sua quantità varia. Queste scoperte sono state descritte nei dettagli in due articoli pubblicati sulla rivista “Science”.

Sputnik Planitia

Un articolo pubblicato sulla rivista “Icarus” descrive una ricerca che offre una spiegazione alla formazione del pianeta nano Plutone. Un team di scienziati del Southwest Research Institute (SwRI) ha messo assieme dati raccolti dalla sonda spaziale New Horizons della NASA con quelli raccolti dalla sonda spaziale Rosetta dell’ESA, che ha studiato la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, concludendo che Plutone si è formato dall’unione di circa un miliardo di comete simili ad essa.

Rappresentazione artistica di WASP-96b (Immagine cortesia Engine House)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sull’esopianeta WASP-96b. Si tratta di un saturniano caldo, cioè un gigante gassoso con una massa simile a Saturno e un’orbita vicina alla sua stella che ha come conseguenza un’elevata temperatura sulla sua superficie. Un team di ricercatori guidato da da Nikolay Nikolov dell’Università britannica di Exeter ha usato lo spettrografo FORS2 montato sul VLT dell’ESO per studiare WASP-96b scoprendo forti tracce di sodio, un’osservazione possibile solo in mancanza di nuvole nella sua atmosfera.

Il lander InSight e i due MarCO al decollo su un razzo vettore Atlas V 401 (Immagine NASA TV)

Poche ore fa il lander InSight della NASA, è stato lanciato assieme ai due nanosatelliti Mars Cube One dalla base di Vandenberg su un razzo vettore Atlas V 401. Dopo circa un’ora e mezza si sono separati dall’ultimo stadio del razzo, chiamato Centaur, e si sono messi in rotta verso Marte.

La missione InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) ha lo scopo di indagare sulla geologia del pianeta Marte. Un lander dotato di un sismometro, di un sensore termico e di altri strumenti analizzerà la struttura interna del pianeta rosso. Ciò permetterà di ottenere nuovi dati sulla sua formazione, contribuendo anche ai modelli esistenti sulla formazione di pianeti rocciosi come la Terra.