Aree circolari e pozzi su Ultima Thule

La NASA e il Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory hanno pubblicato alcune fotografie dell’oggetto della fascia di Kuiper catalogato come 2014 MU69 e soprannominato Ultima Thule scattate dalla macchina fotografica LORRI della sonda spaziale New Horizons solo sei minuti prima del suo massimo avvicinamento. A soli 6.628 chilometri di distanza e alla sua velocità elevatissima, c’era il rischio di non riuscire a inquadrare perfettamente un oggetto così piccolo ma l’operazione è riuscita.

Erano le 6.33 italiane del mattino del Capodanno 2019 e la sonda spaziale New Horizons stava compiendo il suo volo ravvicinato a Ultima Thule a una velocità di circa 51.500 km/h scattando fotografie con la macchina fotografica LORRI (Long-Range Reconnaissance Imager) e compiendo altre rilevazioni con gli altri strumenti a bordo. Si è trattato di un obiettivo esteso per le difficoltà di un’operazione mai compiuta prima dato che il volo ravvicinato a Plutone del 14 luglio 2015 al confronto era semplice date le sue dimensioni e luminosità molto maggiori.

Per ottenere la miglior precisione possibile, gli scienziati della missione avevano condotto osservazioni di Ultima Thule dalla Terra usando telescopi al suolo, telescopi spaziali e il telescopio volante SOFIA. Sono state compiute osservazioni anche in casi di occulatione, quando l’oggetto passava di fronte a una stella, e in questi casi sono tornati utili anche i dati raccolti dalla sonda spaziale Gaia dell’ESA, che sta mappando l’intero cielo. Nonostante tutti questi dati sulla posizione di quest’oggetto, rimaneva un certo rischio che l’inquadtura da parte di LORRI non fosse perfetta.

Alle 6.26 italiane, la macchina fotografica LORRI ha catturato l’immagine appena pubblicata (NASA/Johns Hopkins Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute, National Optical Astronomy Observatory), che ha rivelato un puntamento perfetto dato che mostra Ultima Thule in modo completo e con dettagli maggiori della sua superficie rispetto alle immagini precedenti. Ad esempio, parecchie zone luminose di terreno più o meno circolari sono tra i misteri di quest’oggetto e finora non erano ben visibili. I pozzi vicini al limite tra la parte illuminata dal Sole e quella buia sono maggiormente dettagliati, un nuovo contributo alle discussioni sulla loro natura, che potrebbe essere di crateri da impatto, di pozzi aperti in seguito alla sumblimazione di materiali volatili o altro.

Alan Stern, il principale investigatore della missione New Horizons, ha sottolineato l’ottimo risultato ottenuto dalla sonda spaziale e i dettagli che ora sono visibili in un oggetto diverso da tutti quelli che sono stati esplorati finora. Le missioni OSIRIS-REx della NASA e Hayabusa 2 dell’agenzia spaziale giapponese JAXA stanno esplorando altrettanti asteroidi ma Ultima Thule è nella fascia di Kuiper a circa 6,6 miliardi di chilometri dalla Terra, in un’area del sistema solare che stiamo appena cominciando a conoscere. Ogni nuovo dettaglio che verrà scoperto grazie ai dati che New Horizons continuerà a trasmettere fino al 2020 di quest’umile asteroide migliorerà le nostre conoscenze del sistema solare e dei processi di formazione planetaria.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *