L’asteroide Bennu ha rivelato varie sorprese

Sette articoli pubblicati sulle riviste “Nature”, “Nature Astronomy”, “Nature Geoscience” e “Nature Communications” (a pagamento tranne quello su “Nature Communications) riportano una serie di risultati di ricerche sull’asteroide Bennu. Centinaia di scienziati hanno usato dati raccolti dalla sonda spaziale OSIRIS-REx della NASA per studiare in particolare vari aspetti della geologia di Bennu. I risultato saranno utili in vari altri studi, da quelli sull’origine dei mattoni della vita che hanno seminato la Terra a quelli sulla formazione del sistema solare, inclusi alcuni pratici come la ricerca di un’area su cui OSIRIS-REx possa scendere per prelevare campioni alle valutazioni della pericolosità di asteroidi come Bennu.

La sonda spaziale OSIRIS-REx (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, and Security-Regolith Explorer) ha raggiunto l’asteroide Bennu, formalmente 101955 Bennu, il 2 dicembre 2018 e ha cominciato a studiare da vicino quello che viene considerato un oggetto primitivo simile a quelli che hanno portato sulla Terra acqua e materiali organici. Effettivamente tra i primi risultati c’è la conferma di una presenza abbondante di minerali idrati ma sono arrivate anche sorprese con la scoperta di pennacchi di particelle che vengono emesse dalla superficie e la presenza di molte rocce di varie dimensioni sulla superficie.

Tra le valutazioni effettuate ci sono quelle riguadanti l’origine di Bennu. L’età di quest’asteroide ha una stima ancora grossolana, tra cento milioni e un miliardo di anni, in ogni caso maggiore di quella prevista. Probabilmente si è formato nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove, dove ci sono complesse interazioni gravitazionali ma anche collisioni che possono in alcuni casi spingere un asteroide o pezzi di un asteroide più grande verso il sistema solare interno. Attualmente l’orbita di Bennu è vicina a quella della Terra.

Gli scienzati già si aspettavano che Bennu fosse costituito da rocce più piccole, frammenti di un asteroide più grande che è stato distrutto da un impatto spargendo rocce di cui una parte si è ricompattata, anche se in modo tutt’altro che omogeneo. Molte grandi rocce, che includono alcuni massi con dimensioni superiori ai 40 metri, si sono appoggiate sulla superficie di Bennu. Si tratta di massi troppo grandi per essere prodotti da impatti dato che un impatto in grado di generare una tale quantità di detriti avrebbe distrutto Bennu, mentre ha senso che siano frammenti dell’asteroide progenitore, che infatti è andato distrutto in seguito a un impatto.

L’analisi dei materiali che formano l’asteroide Bennu indicano però che sono più eterogenei del previsto. Ci sono alcune regioni sulla sua superficie che sono molto scure, quasi nere, mentre altre regioni sono molto brillanti e sono associate a massi con dimensioni di alcuni metri. Uno tra i composti rilevato è la magnetite, un minerale che si forma dall’ossidazione di idrossido di ferro in presenza di acqua. Assieme alla presenza abbondante di silicati idrati, altri minerali che sono stati notevolmente alterati in presenza di acqua liquida, costituisce un’indicazione della presenza d’acqua almeno nell’asteroide progenitore.

Le analisi spettroscopiche hanno mostrato similitudini tra Bennu e meteoriti contenenti condriti carbonacee molto rare in cui carbonio e composti organici sono abbondanti. Questo è uno degli argomenti connessi allo studio dell’origine dei mattoni della vita sulla Terra dato che conferma la presenza in asteroidi di precursori di molecole importanti nell’origine della vita. Non è ancora chiaro quanti di quei composti e quanta acqua siano arrivati sulla Terra da asteroidi e quanti da comete, altri corpi celesti dove sono stati trovati composti organici.

Gli effetti delle emissioni solari che colpiscono l’asteroide Bennu in modo non omogeneo sono stati misurati, indicando un’aumento nella sua velocità di rotazione. Si tratta dell’effetto YORP (Yarkovsky-O’Keefe-Radzievskii-Paddack), già confermato in passato nello studio di altri asteroidi. Il periodo di rotazione di Bennu sta diminuendo di un secondo ogni cento anni, poco ma può essere significativo per un asteroide in cui c’è un delicato equilibrio tra la sua forza di gravità e la forza centrifuga generata dalla sua rotazione. Se Bennu ruoterà su se stesso molto più rapidamente, diventerà più facile perdere materiali.

L’emissione di pennacchi, visibile nell’immagine in basso (NASA/Goddard/University of Arizona/Lockheed Martin), dalla superficie dell’asteroide Bennu è stata un’altra sorpresa, al punto che il principale investigatore della missione OSIRIS-REx Dante Lauretta l’ha definita una delle più grandi della sua carriera. C’erano speculazioni che Bennu potesse avere una certa attività ma nulla era stato rilevato dalla Terra. Non è chiaro il processo che porta all’emissione di particelle e questo sarà uno degli argomenti delle indagini dei ricercatori.

Le emissioni e ancor di più la superficie piena di rocce potrà costituire un problema per le operazioni di prelievo di campioni dalla superficie dell’asteroide Bennu. C’è ancora più di un anno per le valutazioni necessarie dato che è previsto che il prelievo verrà compiuto nel luglio 2020. Nel frattempo è stata pubblicata una mappa globale, visibile nell’immagine in alto (NASA/Goddard/University of Arizona), creata mettendo assieme immagini catturate dallo strumento OCAMS (PolyCam) della sonda spaziale OSIRIS-REx. Le ricerche su Bennu sono appena iniziate e già hanno mostrato sorprese, che potranno essere utili per i vari studi che costituiscono l’obiettivo finale della missione di svelare alcuni segreti della storia del sistema solare e forse anche della Terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *