Tracce di antichissimi stagni salati sul fondo del cratere Gale su Marte


Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Geoscience” riporta i risultati di un’analisi di dati raccolti dal Mars Rover Curiosity in una sezione di rocce sedimentarie del cratere Gale su Marte chiamata Sutton Island in cui è stata rilevata la presenza di sale sotto forma di salgemma nei sedimenti. Un team di ricercatori guidato da William Rapin del Caltech ha interpretato quella presenza come prova che circa tre miliardi e mezzo di anni fa lì c’erano stagni salati che sono passati attraverso episodi di tracimazione ed essiccazione. I depositi mostrano la storia delle fluttuazioni climatiche nel periodo in cui l’ambiente marziano passò da bagnato e simile a quello terrestre al deserto secco odierno.

Il Mars Rover Curiosity ha visitato la sezione di rocce sedimentarie nel cratere Gale lunga alta circa 150 metri chiamata Sutton Island nel 2017. In tempi remoti, nel cratere Gale c’era un lago e ora c’è il Monte Sharp. La missione Curiosity sta pian piano ricostruendo la storia di quell’ambiente risalente a oltre tre miliardi di anni fa e i suoi cambiamenti.

A Sutton Island, il Mars Rover Curiosity ha trovato rocce piene di spaccature come quella chiamata “Old Soaker” nell’immagine (NASA/JPL-Caltech/MSSS), una conseguenza dell’essiccazione di uno strato di fango avvenuta oltre tre miliardi di anni fa. Tre immagini catturate dalla macchina fotografica MAHLI (Mars Hand Lens Imager) sono state combinate per questa vista che abbraccia circa 90 centimetri da sinistra a destra. Alcuni bordi dei poligoni formati dalle spaccature hanno lo stesso colore della rocca attorno. Ciò può succedere quando sedimenti spinti dal vento si accumulano nelle spaccature aperte, diventano roccia sotto la pressione di successivi strati che si accumulano sopra di essa per poi essere erosi dal vento. I materiali che riempiono le spaccature resistono meglio di quelli che in origine erano fango, con il risultato che le spaccature diventano creste.

Tipicamente, se un lago si secca, lascia pile di cristalli di sale puro. I sali di Sutton Island sono diversi, nel senso che sono sotto forma di salgemma, conosciuta anche come halite, e non nella forma ottenuta più frequentemente dall’acqua di mare. Il fatto che questo sale marziano sia mescolato con sedimenti suggerisce che si sia cristallizzato in un ambiente bagnato, forse appena sotto gli stagni che stavano evaporando.

Gli strati di sedimenti del tipo trovato a Sutton Island vengono lentamente depositati sul fondo di un lago e hanno strati piatti. Ambienti a energia più elevata grazie a venti e flussi d’acqua possono invece creare strati che si inclinano gradualmente come ad esempio un affioramento chiamato “Teal Ridge” studiato dal Mars Rover Curiosity durante la scorsa estate.

Molti grandi cambiamenti climatici di quell’epoca remota sono dovuti al fatto che l’atmosfera marziana venne lentamente erosa dal vento solare dopo che il raffreddamento del nucleo del pianeta lo lasciò senza un campo magnetico che la proteggesse. Tuttavia, anche i cambiamenti nell’asse di rotazione di Marte ebbero una certa influenza. Nuove tracce potrebbero essere trovate dal Mars Rover Curiosity in un area del Monte Sharp in cui dall’orbita è stata rilevata la presenza di sali solfati. Il loro studio potrebbe fornire altre risposte importanti sulla storia antica di Marte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *