La galassia Fornace A è probabilmente il frutto di una ripetuta attività nucleare

Fornace A con i suoi enormi lobi
Fornace A con i suoi enormi lobi

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” riporta uno studio della galassia conosciuta come Fornace A o con la sigla di catalogo NGC 1316. Un team di ricercatori guidato da Filippo Maccagni dell’INAF (Istituto nazionale di astrofisica) di Cagliari ha usato dati raccolti da cinque telescopi diversi per trovare le prove di una ripetuta attività nucleare che ha formato quelli che sono stati chiamati lobi radio, giganteschi aloni di plasma invisibili alle frequenze ottiche ma brillanti alle frequenze radio. Per questo motivo, il radiotelescopio MeerKat è stato fondamentale per ottenere le migliori osservazioni mai ottenute di Fornace A.

Fornace A, conosciuta anche con una serie di sigle dipendenti dal catalogo oltre a NGC 1316, è una galassia lenticolare distante poco più di 60 milioni di anni luce dalla Terra. Fa parte dell’ammasso galattico della Fornace ed è una radiogalassia, una classe di galassie con forti emissioni radio. L’immagine (Cortesia F. Maccagni, D. Kleiner, INAF-OAC, Sarao. Tutti i diritti riservati) mostra Fornace A con l’enorme alone radio in rosso che circonda la galassia con un’estensione di circa un milione di anni luce. Sopra Fornace A è visibile un’altra galassia più piccola, catalogata come NGC 1317, grande più o meno come la Via Lattea.

Le deformazioni presenti nelle immagini a frequenze ottiche della galassia Fornace A indicano che essa è il risultato di varie fusioni galattiche avvenute tra 1 e 3 miliardi di anni fa. La sua luminosità alle onde radio la rende però un oggetto di studio soprattutto con radiotelescopi e recentemente è stata inclusa tra gli obiettivi del progetto MeerKat Fornax Survey, iniziato nel 2018 per studiare nei dettagli l’intero ammasso della Fornace.

Le caratteristiche della galassia Fornace A sono state oggetto di discussioni riguardo ai processi in atto al suo interno. Ad esempio, un mistero riguardava l’abbondanza di polveri nella materia che riempie il suo spazio interstellare, di cui generalmente forma circa il 2% mentre il resto di quella materia è composto da gas idrogeno ed elio. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” nell’agosto 2019, parte dell’idrogeno era nascosta. Già in quel caso il radiotelescopio MeerKat aveva offerto le informazioni che indicavano una soluzione al mistero, nella nuova ricerca appena pubblicata ha fornito altre informazioni utili a capire meglio la storia di Fornace A.

Il team di Filippo Maccagni ha aggiunto ai dati raccolti con il radiotelescopio MeerKat quelli di altri quattro telescopi: il Murchison Widefield Array (MWA) in Australia, la sonda spaziale Planck Surveyor, il Very Large Array (VLA) negli Usa e il Sardinia Radio Telescope (SRT). Ciò ha permesso di ottenere un quadro della galassia Fornace A a diverse lunghezze d’onda che ha rivelato le tracce della ripetuta attività nucleare. Ciò perché i lobi radio sono formati dalla radiazione di sincrotrone in cui particelle viaggiano a velocità vicine a quella della luce in una traiettoria che dipende dalla potenza del campo magnetico che la determina.

Secondo i ricercatori, la forma dei lobi e le proprietà della loro radiazione di sincrotrone a diverse frequenze indicano che si devono essere formati attraverso più di un episodio di attività nucleare. L’ultimo di questi episodi sarebbe iniziato circa 24 milioni di anni fa e sarebbe andato avanti per circa 12 milioni di anni. Un episodio molto più limitato sarebbe iniziato circa 3 milioni di anni fa e sarebbe durato circa un milione di anni, formando getti centrali che sono visibili grazie alla sensibilità del radiotelescopio MeerKat.

Un oggetto della ricerca riguarda il riscaldamento del gas interstellare e la sua conseguenza sulla formazione stellare. Quello che in gergo viene chiamato feedback del nucleo galattico attivo è al centro di varie ricerche sull’influenza dell’attività dei buchi neri supermassicci al centro delle galassie. Il gas interstellare deve essere freddo per potersi addensare e formare nuove stelle. Insomma, lo studio della galassia Fornace A è interessante per gli astronomi per vari motivi e il contributo del radiotelescopio MeerKat si sta rivelando davvero importante.

2 Comments


  1. L’articolo sulla radio galassia Fornace A permette di riflettere sul fascino misterioso e immenso dell’Universo. Molto interessante anche per il singolare nome: proprio come una fornace, questa galassia è una realtà ricca di attività nucleare che non può non impegnare gli scienziati nel lavoro di ricerca e gli appassionati a guardare il cielo con occhi curiosi e affamati di scoperta.

    Reply

    1. Questo è davvero un caso in cui immagini mozzafiato e informazioni utili alla ricerca scientifica vanno a braccetto.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *