L’esopianeta NGTS-10b è un gioviano ultracaldo con un anno di sole 18 ore

Concetto artistico di gioviano caldo vicino alla propria stella (Immagine cortesia University of Warwick/Mark Garlick)
Concetto artistico di gioviano caldo vicino alla propria stella (Immagine cortesia University of Warwick/Mark Garlick)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” riporta uno studio sull’esopianeta NGTS-10b, un gioviano ultracaldo il cui anno dura solo 18 ore circa. Un team di ricercatori guidato dal dottor James McCormac dell’Università britannica di Warwick ha usato dati raccolti nel corso dell’indagine NGTS per identificare NGTS-10b grazie ai suoi transiti di fronte alla sua stella. Si tratta del gioviano caldo o ultracaldo più vicino alla sua stella osservato finora, talmente vicino ad essa che in un lontano futuro potrebbe avvicinarsi al punto da essere distrutto. Ciò lo rende un interessante oggetto di studio, anche perché osservazioni condotte per diversi anni potranno misurare i cambiamenti della sua orbita per capire se davvero ha un destino segnato.

Lo scopo principale dell’indagine NGTS (Next-Generation Transit Survey), condotta con un array di telescopi in Cile, è quello di scoprire o verificare candidati esopianeti relativamente piccoli, quindi super-Terre fino a nettuniani, attraverso il metodo del transito misurando con grande precisione il leggero calo di luminosità che avviene quando un esopianeta passa tra la sua stella e la Terra. Tuttavia, può essere scovare anche pianeti giganti, soprattutto se si tratta di gioviani caldi, così chiamati perché sono vicini alla loro stella e quindi ricevono da essa una quantità di calore tale da scaldare notevolmente la loro superficie. Stavolta ne hanno trovato uno estremo anche per quella categoria.

Distante circa 1000 anni luce dalla Terra, la stella NGTS-10 ha massa e dimensioni che sono circa il 60% di quelle del Sole, con un’età stimata in quasi 10 miliardi e mezzo di anni. Si tratta di un sistema stellare con un’età più che doppia rispetto a quella del sistema solare e già questo rende interessante lo studio di quello che almeno per ora è il suo unico pianeta. NGTS-10b ha una massa che è un po’ superiore al doppio di quella del pianeta Giove per un diametro che è circa il 20% superiore a quello di Giove. La sua distanza da NGTS-10 è solo il doppio del diametro della stella e la conseguenza è una temperatura sulla superficie che probabilmente supera i 1.000° Celsius, perciò può essere considerato un gioviano ultracaldo. Quasi certamente è in rotazione sincrona con la sua stella, il che significa che le mostra sempre la stessa faccia e c’è una notevole differenza di temperatura tra la faccia diurna e quella notturna.

Questo tipo di esopianeta è interessante perché secondo i modelli teorici i pianeti giganti si formano lontani dalle loro stelle, in aree del disco protoplanetario dove c’è una quantità sufficiente di gas per formare pianeti così massicci. Conosciamo molti gioviani caldi e ciò indica che i pianeti possono spostarsi notevolmente nel corso della loro vita. Forse cominciano a migrare verso la loro stella già durante il periodo di formazione interagendo con il disco protoplanetario o forse interagiscono con altri pianeti più evoluti.

Il dottor James McCormac e il suoi colleghi intendono monitorare l’orbita dell’esopianeta NGTS-10b nel corso del prossimo decennio perché è interessante nello studio della migrazione dei pianeti e in particolare per capire se continuerà ad avvicinarsi alla sua stella fino a essere distrutto. Forse gli astronomi sono stati fortunati a scoprirlo nell’ultima fase della sua vita o forse ci vorrà più tempo del previsto perché venga distrutto. I dati che verranno raccolti nel corso dei prossimi anni saranno utili per migliorare i nostri modelli.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *