Interazioni galattiche nell’ammasso della Fornace

Alcune galassie galassie dell'ammasso della Fornace viste dalla DECam
Un’immagine catturata dalla Dark Energy Camera (DECam) mostra alcune galassie dell’ammasso della Fornace. Le galassie NGC 1399 e NGC 1404 sono due delle più luminose dell’ammasso e la loro gravità le sta facendo avvicinare al punto che potrebbero esserci già delle interazioni. La galassia nana irregolare NGC 1427A, nell’angolo sinistro nell’immagine in alto, sta subendo ancor di più l’attrazione gravitazionale dell’ammasso e si sta spostando verso il suo cuore. Secondo gli astronomi finirà per essere distrutta in un futuro lontano milioni di anni.

Distante poco più di 60 milioni di anni luce dalla Terra, l’ammasso della Fornace è il secondo ammasso galattico come popolazione, con oltre 600 galassie, entro 100 milioni di anni luce dalla Terra dopo l’ammasso della Vergine. La situazione nell’ammasso della Fornace è dinamica, nel senso che è diviso in due subammassi che stanno interagendo in quella che è una fusione tra quelli che in origine erano due ammassi separati.

Con oltre 600 galassie, ci sono molte interazioni, ad esempio quelle crescenti tra le galassie NGC 1399 e NGC 1404, al centro nell’immagine in alto (CTIO/NOIRLab/DOE/NSF/AURA. Acknowledgment: Image processing: T.A. Rector (University of Alaska Anchorage/NSF’s NOIRLab), J. Miller (Gemini Observatory/NSF’s NOIRLab), M. Zamani (NSF’s NOIRLab) & D. de Martin (NSF’s NOIRLab)), la cui attrazione reciproca le sta facendo avvicinare.

Il movimento sta causando a NGC 1404 una perdita di gas causata dalla pressione del plasma presente tra le galassie di questo ammasso. Secondo ricerche come quella pubblicata sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” nell’ottobre 2003, le interazioni con la sua vicina hanno causato la perdita della maggior parte dei suoi ammassi globulari.

Un’altra interazione interessante è quella della galassia nana irregolare NGC 1427A con il resto dell’ammasso della Fornace. NGC 1427A sta viaggiando verso il centro dell’ammasso a una velocità di circa 2,2 milioni di km/h. La velocità è così elevata da aver deformato NGC 1427A dandole la forma a punta di freccia che vediamo dalla Terra e può essere notata in particolare nell’immagine in basso, catturata dal telescopio spaziale Hubble.

Secondo gli astronomi, la galassia NGC 1427A finirà distrutta nel corso del prossimo miliardo di anni a causa delle interazioni con altre galassie dell’ammasso della Fornace e con il gas presente tra le galassie. Probabilmente un evento di questo tipo era comune quando l’universo era molto più giovane ma è diventato più raro con il passare del tempo.

La DECam viene usata per diversi tipi di ricerche cosmologiche e non è una sostituta di strumenti come il telescopio spaziale Hubble o altri telescopi. Tuttavia, la possibilità di fotografare ampie porzioni di cielo offre immagini utili in vari modi agli astronomi. In questo caso, è utile per studiare le interazioni tra le galassie dell’ammasso della Fornace.

La galassia nana irregolare NGC 1427A vista da Hubble

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *