Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive la rilevazione di variazioni nella luminosità delle celebri macchie bianche sul pianeta nano Cerere. Usando lo spettrografo HARPS all’Osservatorio dell’ESO di La Silla in Cile esse sono state osservate mostrando ad esempio una maggiore luminosità nel corso del giorno. Una spiegazione è che esse contengano materiali volatili che evaporano a causa della luce solare.

Mappa di superammassi galattici e di vuoti cosmici attorno alla Via Lattea (Immagine Richard Powell)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” descrive la scoperta di quella che è stata chiamata la Grande Muraglia BOSS, un superammasso di galassie lungo oltre un miliardo di anni luce e distante tra 4,5 e 6,4 miliardi di anni luce dalla Terra. Con una massa stimata in 10.000 volte quella della Via Lattea, è il superammasso più grande finora scoperto.

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Letters” descrive un’analisi effettuata sui dati raccolti dallo strumento ROSINA della sonda spaziale Rosetta dell’ESA che ha permesso di stabilire che il ghiaccio presente sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko ha una forma cristallina. Può sembrare un problema banale, invece tale natura implica il fatto che si sia originato nella nebulosa protosolare e abbia la stessa età del sistema solare.