Antichissime mega-alluvioni nelle Kasei Valles su Marte

Le Kasei Valles (Foto ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Le Kasei Valles (Foto ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato nuove fotografie del sistema di canali delle Kasei Valles su Marte catturate dallo strumento High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sonda spaziale Mars Express. I dati raccolti indicano che le Kasei Valles sono state generate da una serie di alluvioni giganti e non da un flusso continuo di acqua sulla superficie. Oggi questo sistema di canali è uno dei più grandi di Marte e si estende per 3.000 chilometri da Echus Chasma, vicino alle Valles Marineris, fino a Chryse Planitia.

Non è la prima volta che ricerche sulla storia di Marte indicano che anticamente quelle regioni furono investite da fenomeni violenti. L’esempio più clamoroso è una ricerca pubblicata nel maggio 2016 sulla rivista “Nature” che descriveva due possibili mega-tsunami che sconvolsero la superficie del pianeta rosso. Alcune ricerche si sono concentrate sulla storia geologica delle Kasei Valles, con i canali che percorrono distanze molto lunghe, una caratteristica che ha portato alla conclusione che si sono formati in seguito a mega-alluvioni individuali.

Tra 3,6 e 3,4 miliardi di anni fa, una combinazione di vulcanismo, tettonica collasso e cedimento nella vicina regione di Tharsis portò a massicci rilascia di acqua sulla superficie da Echus Chasma. La conseguenza fu la serie di mega-alluvioni che generarono i canali visibili ancor oggi. Le tracce di quegli antichissimi eventi non sono visibili solo in quei canali ma anche in altre aree come il cratere Worcester.

Vari crateri vennero generati da impatti in quella regione prima che le alluvioni cominciassero a cambiare radicalmente il suo aspetto. Con i suoi 25 chilometri di diametro, il cratere Worcester è il più grande e ha resistito bene alle forze erosive delle alluvioni. I suoi bordi alti circa 1,5 chilometri formano un’ostruzione nel mezzo della valle e l’impatto aveva compattato le rocce, rendendole più resistenti alle alluvioni rispetto ai materiali meno compatti attorno ad esso.

L’area attorno al cratere Worcester ha un aspetto diverso a seconda della posizione rispetto al flusso delle alluvioni. Ben diversa è la situazione del cratere adiacente, dove i detriti che lo circondano sono rimasti intatti, una situazione che indica che esso sia stato generato da un impatto successivo alle alluvioni. I detriti fanno anche pensare che la pianura alluvionale fosse piena d’acqua o di ghiaccio d’acqua.

Il cratere nell’angolo superiore destro dell’immagine mostra altre caratteristiche ancora. Esso non sembra essere penetrato nel suolo quanto Worcester e il suo vicino e ciò è dovuto al fatto che è sito su un altopiano che è almeno un chilometro più elevato rispetto alle pianure sottostanti. Nonostante ciò c’è una piccola depressione al centro del cratere e ciò normalmente significa che c’è uno strato più debole, che può essere ad esempio di ghiaccio, sepolto sotto di esso al momento dell’impatto.

Anche le caratteristiche dei materiali espulsi da quel cratere sono diverse rispetto a quelle dei materiali espulsi dagli altri crateri. Forse l’impatto è stato diverso nell’energia sprigionata e nel modo in cui i materiali sono stati piazzati venendo dal cratere ma anche nella composizione dei materiali presenti nell’altopiano. Piccoli canali dendritici sono visibili tutt’attorno all’altopiano e ciò potrebbe indicare i vari livelli di intensità delle alluvioni.

Tutto ciò mostra ancora una volta che quand’era giovane Marte era molto più simile alla Terra, con tanta acqua liquida sulla superficie che ci potevano essere eventi violenti. In questo caso, le tracce mostrano anche l’attività vulcanica dell’epoca e l’influenza che poteva avere sull’ambiente.

Vista in prospettiva del cratere Worcester (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Vista in prospettiva del cratere Worcester (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *