Il polo sud di Encelado è più caldo del previsto

Encelado con vari
Encelado con vari “graffi di tigre” in blu (Immagine NASA/JPL/Space Science Institute)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive la scoperta che il polo sud di Encelado, una delle lune del pianeta Saturno, è più caldo del previsto sotto lo strato di ghiaccio superficiale. Un team di ricercatori guidato da Alice Le Gall di LATMOS e UVSQ ha studiato rilevazioni effettuate dalla sonda spaziale Cassini durante un volo ravvicinato del 2011 concludendo che l’oceano sotterraneo di Encelado è più vicino alla superficie di quanto si pensasse.

Nel corso degli anni, la sonda spaziale Cassini ha raccolto una serie crescente di prove dell’esistenza di un oceano sotterraneo su Encelado. Secondo una ricerca pubblicata nel settembre 2015, quest’oceano è addirittura globale e questa possibilità ha contribuito a tenere alto l’interesse per questa luna e per le possibilità che sotto lo strato di ghiaccio superficiale siano emerse forme di vita.

La missione Cassini ha incluso una serie di passaggi ravvicinati a Encelado che avevano lo scopo di raccogliere altri dati per capire meglio la sua struttura interna e le attività idrologiche e geologiche in atto all’interno della luna. Nelle missioni scientifiche, i dati raccolti rimangono a disposizione degli scienziati che possono continuare a studiarli anche ad anni di distanza. È proprio ciò che è successo con i dati raccolti durante un passaggio ravvicinato avvenuto nel 2011.

Purtroppo in quell’occasione sono state effettuate le uniche rilevazioni ad alta risoluzione del polo sud di Encelado a lunghezze d’onda delle microonde. Di conseguenza, sono dati limitati che comunque hanno riservato una sorpresa perché nell’area esaminata la superficie è risultata essere particolarmente calda.

Il termine calda va inteso in senso molto relativo perché le temperature rilevate pochi metri sotto la superficie sono tra i 50 e i 60 Kelvin, roba che al confronto il polo sud terrestre è incandescente, ma sono comunque fino a 20 Kelvin superiori rispetto ad altre aree sotto la superficie di Encelado.

I ricercatori hanno verificato le possibili cause di quel riscaldamento anomalo e hanno escluso l’illuminazione solare e l’influenza di Saturno. L’area interessata da quell’anomalia è a forma di arco lunga circa 500 chilometri e larga circa 25 a una distanza tra i 30 e i 50 chilometri a nord delle fratture attive chiamate in gergo “graffi di tigre” (tiger stripes).

L’anomalia termica è pronunciata soprattutto sopra tre fratture simili ai graffi di tigre eccetto per il fatto che non sembrano attive e quindi non emettono getti di materiali. La loro esistenza suggerisce che su Encelado ci siano stati periodi di attività geologica in diverse aree nel corso del suo passato.

Le osservazioni hanno riguardato una regione limitata ma è possibile che il fenomeno sia più esteso. La crosta di ghiaccio polare potrebbe essere spessa solo 2 chilometri, un’ipotesi in accordo con uno studio pubblicato nel 2016. Questa crosta più sottile è più soggetta alle deformazioni causate dall’influenza gravitazionale di Saturno contribuendo a mantenere temperature più elevate.

Il fatto che almeno in un’area la crosta ghiacciata sia più sottile è un fatto interessante anche pensando a una possibile missione di una sonda spaziale dotata di strumenti specifici per cercare di studiare l’oceano sotterraneo. Una crosta spessa oltre 20 chilometri costituisce un problema, una crosta spessa 2 chilometri renderebbe più facili rilevazioni radar del sottosuolo.

Il polo sud di Encelado con la regione studiata colorata (Immagine NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute; Acknowledgement: A. Lucas)
Il polo sud di Encelado con la regione studiata colorata (Immagine NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute; Acknowledgement: A. Lucas)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *