Immagini di Antares catturate dal VLTI sono le più dettagliate di una stella diversa dal Sole

Antares vista dal VLTI (Immagine ESO/K. Ohnaka)
Antares vista dal VLTI (Immagine ESO/K. Ohnaka)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la creazione dell’immagine più dettagliata prodotta finora della superficie e dell’atmosfera di una stella diversa dal Sole. Un team di astronomi guidato da Keiichi Ohnaka dell’Universidad Católica del Norte in Cile ha usato il Very Large Telescope Interferometer (VLTI) per ottenere questo risultato con la supergigante rossa Antares. Si tratta anche della prima mappa dei materiali che compongono l’atmosfera di una stella diversa dal Sole.

Antares è ben conosciuta perché è la stella più brillante della costellazione dello Scorpione e la quindicesima stella per brillantezza nel cielo notturno. Distante poco più di 550 anni luce dalla Terra, a sua massa è stimata attorno alle 12 masse solari ma il suo volume è ormai espanso enormemente per cui il suo diametro è circa 700 volte quello del Sole. Sta passando attraverso la fase finale della sua agonia e quando ricomincerà a contrarsi alla fine del periodo di espansione in una supergigante rossa finirà per esplodere in una supernova.

Queste stelle massicce moribonde sono molto interessanti da studiare per capire i processi complessi e caotici attraverso cui stanno passando. Il VLTI è un eccellente strumento per osservare Antares perché utilizza la tecnica dell’interferometria per combinare la luce catturata da diversi telescopi, in questo caso fino a 4, per ottenere una sorta di telescopio virtuale che equivale a uno specchio con un diametro fino a 200 metri. Ciò permettere di ottenere dettagli molto maggiori di qualunque singolo telescopio.

Uno dei problemi studiati usando il VLTI riguarda la perdita di massa di Antares. Secondo gli astronomi, la sua massa originale doveva essere attorno alle 15 masse solari, il che significa che ne ha persa parecchia. Le osservazioni hanno permesso di mappare la velocità dei materiali nell’atmosfera di questa supergigante rossa, comprese le differenze di velocità del gas atmosferico in diverse aree e la velocità media generale. Finora un simile obiettivo era riuscito solo con il Sole.

I dati raccolti indicano che il gas turbolento a bassa densità è molto più lontano del previsto dalla stella. Gli astronomi hanno concluso che non può essere stato generato da moti di convezione, quelli su larga scala dei materiali che in molte stelle trasferiscono l’energia dal nucleo fino agli strati esterni dell’atmosfera. Secondo loro c’è un altro processo sconosciuto in atto che potrebbe spiegare quei moti nell’atmosfera delle supergiganti rosse.

Keiichi Ohnaka ha spiegato che la tecnica di osservazione usata per studiare Antares potrà essere applicata a diversi tipi di stelle per studiarne la superficie e l’atmosfera con dettagli senza precedenti. Si tratta di un lavoro che porta l’astrofisica stellare a una nuova dimensione e apre una nuova finestra per osservare le stelle.

Rappresentazione artistica di Antares (Immagine ESO/M. Kornmesser)
Rappresentazione artistica di Antares (Immagine ESO/M. Kornmesser)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *