Scoperto un anello attorno al pianeta nano Haumea

Rappresentazione artistica di Haumea col suo anello (Immagine cortesia IAA-CSIC/UHU)
Rappresentazione artistica di Haumea col suo anello (Immagine cortesia IAA-CSIC/UHU)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la scoperta di un anello attorno al pianeta nano Haumea. Un team guidato da astronomi dell’Instituto de Astrofísica de Andalucía (IAA-CSIC), in Spagna, che include ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica (INAF) ha utilizzato osservazioni di parecchi telescopi per scoprire l’anello, il primo individuato attorno a un oggetto transnettuniano, e per ottenere stime migliori di altre caratteristiche di Haumea.

Scoperto nel 2004, Haumea venne classificato come pianeta nano nel 2008. La sua distanza dal Sole è attualmente circa 50 volte quella della Terra e ha un anno pari a circa 284 anni terrestri. Tra le sue caratteristiche peculiari c’è un periodo di rotazione di sole 3,9 ore, più rapido non solo di qualsiasi altro pianeta o pianeta nano del sistema solare ma anche di altri corpi celesti con diametro maggiore di 100 chilometri. Ciò spiega perché la sua forma sia così allungata, decisamente ovale.

Dopo la sua scoperta, ulteriori osservazioni hanno permesso di scoprire la presenza di due lune, che sono state chiamate Hi’iaka e Namaka. Nonostante la sua elevata luminosità, la distanza rende difficile studiarlo ma occasionalmente viene in aiuto il fenomeno dell’occultazione stellare. In sostanza, si tratta di un’eclissi che avviene quando un oggetto passa di fronte a una stella permettendo osservazioni di qualità superiore per un periodo che può durare pochissimi minuti.

Il satellite Gaia dell’ESA sta mappando il cielo con dettagli mai ottenuti prima e tra i vantaggi c’è la possibilità di prevedere occultazioni stellari con una precisione notevole. Grazie ai dati raccolti, è stato possibile stabilire che il 21 gennaio 2017 sarebbe avvenuto questo fenomeno permettendo di osservare il pianeta nano Haumea e dieci osservatori europei hanno partecipato a questa campagna di studio grazie alla posizione favorevole durante l’occultazione.

José Luis Ortiz dell’IAA-CSIC, primo autore dell’articolo, ha coordinato gli sforzi degli osservatori per quel breve ma intenso periodo. A causa della prospettiva leggermente diversa nelle varie nazioni, la durata è stata altrettanto diversa e ha fornito misure leggermente diverse che hanno permesso di ricostruire con maggior precisione le dimensioni e la forma del pianeta nano Haumea.

La sorpresa però è arrivata dalla scoperta della presenza di un anello denso e sottile attorno a Haumea. A circa 2.300 chilometri di altitudine per uno spessore di circa 70 chilometri, l’anello giace sul piano equatoriale del pianeta nano, come la sua luna Hi’iaka. Potrebbe essersi formato in seguito a una collisione con un asteroide o l’elevata velocità di rotazione di Haumea potrebbe aver spinto nello spazio materiali che erano sulla sua superficie.

Siamo abituati alla presenza di anelli attorno a pianeti giganti ma nel 2014 è stata annunciata l’esistenza di anelli attorno all’asteroide Chariklo perciò quello attorno al pianeta nano Haumea non è così strano. È il primo scoperto attorno a un oggetto transnettuniano ed è stato trovato grazie a una collaborazione internazionale che ha coinvolto parecchi telescopi di piccole dimensioni dimostrandone l’utilità in un eccellente lavoro scientifico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *