Nuove informazioni sui pennacchi di Europa dai vecchi dati della missione Galileo

Illustrazione di Giove, Europa, le linee di campo magnetico e la sonda spaziale Galileo (Immagine NASA/JPL-Caltech/Univ. of Michigan)
Illustrazione di Giove, Europa, le linee di campo magnetico e la sonda spaziale Galileo (Immagine NASA/JPL-Caltech/Univ. of Michigan)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive un nuovo esame di dati riguardanti Europa, una delle grandi lune di Giove, raccolti nel 1997 dalla sonda spaziale Galileo della NASA. Un team di ricercatori ha usato nuovi modelli informatici per interpretare un’anomalia nel campo magnetico attorno a Europa che era rimasta inspiegata. Il risultato del nuovo esame è che l’anomalia è stata generata da pennacchi di vapore acqueo contenenti vari composti, una nuova prova della loro esistenza.

La missione della sonda spaziale Galileo era quella che aveva portato i primi reali indizi della presenza di un oceano di acqua liquida sotto la crosta ghiacciata di Europa. Gli studi su questa luna sono aumentati ma nel decennio scorso un altro oceano sotterraneo è stato scoperto sotto la crosta di Encelado, una delle lune di Saturno, una sorta di versione più piccola di Europa. I passaggi ravvicinati a Encelado della sonda spaziale Cassini hanno permesso anche di rilevare pennacchi di vapore acqueo contenente vari composti, una prova non solo della presenza di un oceano ma anche di energia termica sufficiente a creare geyser.

Nel caso di Europa, indizi interessanti sono arrivati qualche anno fa dall’esame di osservazioni effettuate con il telescopio spaziale Hubble, pubblicato nel 2013. Si tratta di indizi molto interessanti ma ancora non conclusivi ma ora ne sono stati presentati altri ancor più interessanti ottenuti riesaminando dati raccolti nel 1997.

Xianzhe Jia dell’Università del Michigan, che ha diretto la nuova ricerca, ha trovato l’ispirazione in una presentazione condotta da Melissa McGrath del SETI Institute che includeva osservazioni effettuate con il telescopio spaziale Hubble. Una delle aree menzionate ha fatto scattare in Jia il ricordo di un volo ravvicinato compiuto dalla sonda spaziale Galileo, il più vicino a Europa a 200 chilometri di altitudine.

I dati rilevati dal magnetometro di Galileo contenevano qualcosa di strano e l’esperienza della missione Cassini nei voli ravvicinati a Encelado è stata utile perché i pennacchi che escono dalla luna di Saturno contengono materiali che vengono ionizzati e lasciano una traccia nel campo magnetico circostante. Tra gli strumenti di Galileo c’era il Plasma Wave Spectrometer che serviva a misurare tracce di onde di plasma causate da particelle cariche e l’analisi dei dati raccolti sopra Europa suggerivano la presenza di pennacchi.

Il confronto con le osservazioni del telescopio spaziale Hubble indica la stessa locazione per i pennacchi, prove indipendenti raccolte con strumenti molto diversi che offrono conferme importanti all’esistenza di quei geyser. La locazione è in una regione di Europa dove le temperature sono anomale a causa del calore che arriva dall’interno di quella luna.

Xianzhe Jia è anche uno degli investigatori di due strumenti dell’Europa Clipper della NASA, la missione che nei prossimi anni andrà a esplorare la luna di Giove per cercare di capire se il suo oceano contenga forme di vita. La possibilità di prendere campioni delle emissioni dei pennacchi aggiungerebbe sicuramente molti dati importanti per capire meglio quali reazioni chimiche stanno avvenendo in quell’oceano.

Dopo il recente caso di Ganimede, i dati raccolti dalla sonda spaziale Galileo sono risultati utili dopo parecchi anni anche per quanto riguarda Europa. Si tratta dell’ennesima prova che accumulare dati da varie missioni può essere molto utile anche dopo molto tempo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *