K2-18b è la prima super-Terra con un’atmosfera in cui sia stato rilevato vapore acqueo

Concetto artistico di K2-18b con la sua stella sullo sfondo (Immagine ESA/Hubble, M. Kornmesser)
Concetto artistico di K2-18b con la sua stella sullo sfondo (Immagine ESA/Hubble, M. Kornmesser)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” riporta la rilevazione di vapore acqueo nell’atmosfera dell’esopianeta K2-18b grazie principalmente al telescopio spaziale Hubble. Quest’esopianeta è nell’area abitabile del suo sistema e ciò l’ha reso interessante fin da quando questa super-Terra è stata scoperta, nel 2015. Si tratta della prima rilevazione di vapore acqueo in un esopianeta di quel tipo ma è ancora troppo presto per valutarne il potenziale di abitabilità perché le rilevazioni non sono sufficientemente precise per definire le percentuali di altre molecole come quelle di idrogeno ed elio e per capire se vi sono nuvole.

Distante circa 111 anni luce dalla Terra, l’esopianeta K2-18b orbita attorno a una nana rossa con una massa che è circa il 40% di quella del Sole e di conseguenza è molto più fredda. Con un anno che dura solo 33 giorni terrestri, K2-18b è nell’area abitabile del suo sistema ma potrebbe essere investito dalle radiazioni emesse dalla sua stella, piccola ma attiva con potenti brillamenti.

L’esopianeta K2-18b è stato fin dalla sua scoperta oggetto di interesse e già gli autori di un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” nel dicembre 2017 avevano cercato di capirne meglio le caratteristiche. Il suo raggio è circa 2,24 volte quello della Terra e la sua massa è probabilmente attorno a 8 volte quella della Terra ed è per questo che il dottor Angelos Tsiaras dell’University College London (UCL), primo autore dell’articolo pubblicato su “Nature Astronomy”, ha dichiarato che non è la “Terra 2.0” ma ci porta più vicini a rispondere alla domanda fondamentale: la Terra è unica?

Varie osservazioni dell’esopianeta K2-18b sono state compiute usando il telescopio spaziale Hubble tra il 2016 e il 2017. Gli autori di questa ricerca hanno messo assieme i dati raccolti e hanno sviluppato un algoritmo per analizzare la luce della sua stella filtrata attraverso l’atmosfera del pianeta. Ciò ha permesso di trovarvi le firme chimiche di vapore acqueo indicando anche la presenza di idrogeno ed elio. Secondo i ricercatori altre molecole come quelle di azoto e metano possono essere presenti ma rimangono irrilevabili con le osservazioni attuali. Altri studi sono necessari per capire se vi sono nuvole e la percentuale di vapore acqueo nell’atmosfera.

Tra i membri del team che ha compiuto questa ricerca c’è la professoressa Giovanna Tinetti di UCL, esperta di esopianeti al punto da essere il principale investigatore della missione ARIEL (Atmospheric Remote-sensing Infrared Exoplanet Large-survey) dell’ESA, un telescopio spaziale il cui lancio è previsto per il 2028 che ha proprio lo scopo di studiare le atmosfere degli esopianeti. Riguardo a K2-18b ha dichiarato che si tratta di uno degli obiettivi più interessanti per studi futuri.

Il dottor Ingo Waldmann di UCL, un altro degli autori di questa ricerca, ha fatto notare che questa è probabilmente la prima di molte scoperte di pianeti potenzialmente abitabili. Ciò non solo perché super-Terre come K2-18b sono i pianeti più comuni nella Via Lattea ma anche perché le nane rosse sono le stelle più comuni.

Questo tipo di scoperta accende sempre la speranza di aver trovato il presunto gemello della Terra ma ci vuole prudenza. Nonostante tutti i progressi compiuti, lo studio degli esopianeti è cominciato poco più di vent’anni fa e le informazioni che riusciamo a ottenere su di essi sono ancora limitate. Il telescopio spaziale TESS continua a scoprire nuovi esopianeti e missioni future come ARIEL ma anche il telescopio spaziale James Webb aiuteranno a ottenere molti più dati per capire quali esopianeti siano davvero abitabili per forme di vita simili a quelle terrestri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *