La cometa interstellare 2I/Borisov, già conosciuta come C/2019 Q4, è simile a quelle del sistema solare

cometa interstellare 2I/Borisov (Immagine cortesia Gemini Observatory/Nsf/Aura)
cometa interstellare 2I/Borisov (Immagine cortesia Gemini Observatory/Nsf/Aura)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” riporta una serie iniziale di caratteristiche della cometa interstellare 2I/Borisov, inizialmente designata come C/2019 Q4. Un team di ricercatori ha usato dati raccolti usando il Gemini North sull’isola di Mauna Kea, alle Hawaii, e il William Herschel Telescope alle Canarie. I dati confermano che proviene da un altro sistema stellare, eppure essa ha caratteristiche molto simili alle comete del sistema solare.

La cometa 2I/Borisov è stata scoperta il 30 agosto 2019 dall’astrofilo Gennady Borisov e dopo alcune osservazioni i dati relativi alla sua orbita hanno cominciato a suggerire la sua origine interstellare. Dopo il primo annuncio della scoperta, sono state compiute nuove osservazioni che hanno confermato che la sua traiettoria è fortemente iperbolica e ha una notevole velocità. Si tratta di prove che proviene da un altro sistema stellare perché 2I/Borisov è lontana dal piano orbitale dei pianeti perciò non può aver subito perturbazioni tali da causare una traiettoria di quel tipo.

Due articoli sono già stati pubblicati sulla rivista “Astrophysical Journal Letters” da due diversi team: uno per riportare la rilevazione di gas cianuro emesso e l’altro per riportare la rilevazione di molecole di carbonio emesse da 2I/Borisov. Si tratta di ricerche specifiche concentrate sulle emissioni di questa cometa.

Un altro team guidato dagli astronomi Piotr Guzik e Michal Drahus della Jagiellonian University di Cracovia, in Polonia, ha condotto un lavoro più generale usando gli strumenti Gemini Multi-Object Spectrograph per il Gemini North e Auxiliary-port Camera per il William Herschel Telescope. Le loro osservazioni della cometa 2I/Borisov indicano che è piuttosto scura, con una sfumatura rossastra causata dalle polveri sparse nella sua chioma estesa e nella sua coda corta. Il suo nucleo ha un diametro di circa un chilometro e ciò significa che è piccola rispetto alla celebre 67P/Churyumov–Gerasimenko, formata da due lobi ciascuno dei quali è 3-4 volte più lungo.

La cometa 2I/Borisov si sta ancora avvicinando al Sole e nel dicembre 2019 dovrebbe raggiungere la sua distanza minima, circa due volte quella della Terra dal Sole. Le osservazioni continuano in vari osservatori per capire meglio le sue caratteristiche e verificare similitudini ed eventuali differenze rispetto alle comete del sistema solare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *