Il Mars Rover Curiosity fermato da un corto circuito

Fotografia scattata dalla Mast Camera (Mastcam) del Mars Rover Curiosity durante le operazioni di trivellazione di Telegraph Peak (Foto NASA/JPL-Caltech/MSSS)
Fotografia scattata dalla Mast Camera (Mastcam) del Mars Rover Curiosity durante le operazioni di trivellazione di Telegraph Peak (Foto NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Il lavoro del Mars Rover Curiosity è stato temporaneamente fermato in seguito a un’anomalia elettrica avvenuta il 27 febbraio 2015. Nel corso del trasferimento di campioni di polvere appena prelevati da una perforazione usando il braccio robotico, è entrato in funzione il sisetma di protezione. I dati telemetrici inviati da Curiosity hanno indicato che è avvenuto un corto circuito e per questo motivo l’attività è stata bloccata.

Non è la prima volta che il Mars Rover Curiosity soffre di anomalie elettriche. Era successo il giorno del suo atterraggio su Marte e nuovamente nel novembre 2013. In quei casi, si era trattato di quello che viene chiamato “soft short”, cioè un corto circuito che avviene quando la corrente passa attraverso qualche materiale che è solo un parziale conduttore di elettricità.

In questo caso, il Mars Rover Curiosity stava lavorando da alcuni giorni in un’area vicina alla base del monte Sharp in cui era stata individuata una roccia chiamata Telegraph Peak. Aveva appena compiuto un’operazione di trivellazione nella roccia e stava usando il braccio robotico per trasferire i campioni di polvere ottenuta al suo interno, per farli analizzare dai suoi strumenti.

Si tratta di operazioni già effettuate senza problemi dal Mars Rover Curiosity nel corso delle sue esplorazioni sul pianeta rosso. Stavolta qualcosa non ha funzionato e c’è stato un corto circuito transitorio con il conseguente blocco delle attività. Al Jet Propulsion Laboratory della NASA hanno cominciato a effettuare test dei sistemi di Curiosity per trovare le cause del problema e né il braccio robotico né il rover verranno mossi prima di aver trovato risposte.

I sistemi elettrici del Mars Rover Curiosity sono stati costruiti per poter tollerare senza problemi variazioni nel voltaggio proprio per evitare che possano rimanere danneggiate. Tuttavia, queste anomalie possono renderli più sensibili a ulteriori corti circuiti e indicare problemi seri a qualche componente di Curiosity.

Data l’ovvia impossibilità di riparare i guasti hardware che dovessero colpire il Mars Rover Curiosity, qualsiasi problema viene affrontato con molta prudenza. Ritardare le operazioni di un paio di settimane in una missione che si spera continui per diversi anni non è grave. Mettere la missione in pericolo a causa di un problema non affrontato adeguatamente sarebbe molto grave.

4 Comments


  1. Giusto usare la massima prudenza.
    Ma qual’era la durata iniziale della missione di Curiosity? Il rover sta durando più o meno del previsto?

    PS: bel blog! Se ti va passa sul mio:
    http://www.ecoautomoto.com

    Reply

    1. Il tuo commento era finito tra lo spam e ci ho messo un po’ per recuperarlo. 😉

      La missione primaria di Curiosity aveva la durata di 2 anni. Ciò significa che è già stata estesa ma non è un fatto inaspettato. Diciamo che 2 anni era una sorta di minimo sindacale considerando che Opportunity va avanti da oltre 11 anni. Speriamo che anche Curiosity continui a funzionare così a lungo!.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *