Un ponte di materia oscura individuato tra coppie di galassie

Esempio di coppia di galassie unite da filamenti di materia oscura (Immagine cortesia S. Epps & M. Hudson / University of Waterloo)
Esempio di coppia di galassie unite da filamenti di materia oscura (Immagine cortesia S. Epps & M. Hudson / University of Waterloo)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive una ricerca sui filamenti di materia oscura che uniscono due galassie. Un team di astronomi guidato da Mike Hudson dell’Università di Waterloo in Canada ha sfruttato un effetto di lente gravitazionale debole per creare un’immagine che mostra anche se indirettamente una sorta di ponte di materia oscura che unisce due galassie.

Le discussioni sulla materia oscura e sulla sua natura stanno andando avanti da quando la sua esistenza è stata proposta per spiegare certi effetti gravitazionali riscontrati a livello cosmico. Non tutti sono d’accordo sulla sua esistenza e i tentativi di individuarla sembrano davvero difficile nonostante sia stimato che formi il 25% dell’universo perché in genere non interagisce con la materia ordinaria. Se davvero esiste, tra le altre cose unisce galassie con filamenti che formano una sorta di rete e questa ricerca ha provato a individuarla in qualche modo.

I ricercatori hanno utilizzato una tecnica chiamata lente gravitazionale debole, un effetto che distorce le immagini di galassie lontane a causa di una massa che ha una forza di gravità sufficiente a curvare la luce in maniera misurabile. Quest’effetto previsto dalla teoria generale della relatività di Einstein viene ad esempio sfruttato per osservare galassie lontane le cui immagini vengono ingrandite da una galassia più vicina proprio come se essa fosse una lente ottica. In questo caso però l’idea era di cercare di individuare le distorsioni causate dalla materia oscura, che pure sono molto più deboli.

Per compiere questa ricerca, Mike Hudson e i suoi collaboratori hanno utilizzato oltre 23.000 immagini di coppie di galassie raccolte nel corso di vari anni in un’indagine condotta utilizzando il telescopio  Canada-France-Hawaii. Le immagini sono state combinate per creare una mappa che mostrasse la distorsione causata dalla lente gravitazionale debole generata dalla materia oscura che unisce due galassie.

L’immagine a falsi colori mostra un esempio di due galassie, nelle aree in bianco, unite da un ponte di materia oscura, nelle aree in rosso. I risultati mostrano anche fino a che misura un ponte di filamenti di materia oscura unisce due galassie: ad esempio i ricercatori hanno notato che è più forte tra galassie la cui distanza è inferiore a 40 milioni di anni luce.

Ancora una volta vengono individuati gli effetti della materia oscura, che non viene vista direttamente. Si tratta comunque di qualcosa di misurabile nella pratica, non è un modello teorico e il fatto che i risultati siano in accordo con le previsioni statistiche è un qualcosa di più. Per gli scettici rappresenta una possibilità di mettere alla prova eventuali ipotesi alternative all’esistenza della materia oscura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *