La navicella spaziale SpaceX Dragon è partita per la missione CRS-11 per conto della NASA

Il cargo spaziale Dragon al decollo su un razzo Falcon 9 (Foto NASA/Bill Ingalls)
Il cargo spaziale Dragon al decollo su un razzo Falcon 9 (Foto NASA/Bill Ingalls)

Poche ore fa la navicella spaziale SpaceX Dragon è partita su un razzo vettore Falcon 9 dalla base di Cape Canaveral nella missione CRS-11 (Cargo Resupply Service 11), indicata anche come SpX-11. Dopo poco più di dieci minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. Si tratta delll’undicesima missione di invio della navicella spaziale Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale con vari carichi con il successivo ritorno sulla Terra, anche in questo caso con vari carichi.

Questo lancio rappresenta anche il debutto di SpaceX nel riutilizzo di una navicella Dragon che aveva già compiuto una missione precedente. In realtà una parte è nuova perché il segmento posteriore viene bruciato durante la fase di rientro sulla Terra. La sezione pressurizzata con qualche riparazione è quella che ha completato la missione CRS-4 nel 2014.

Questo nuovo sviluppo è stato deciso lavorando con la NASA per ottenere l’approvazione specifica al riutilizzo perché il contratto prevede che una nuova Dragon venga utilizzata per ogni missione. Riutilizzare la maggior parte di una navicella permette a SpaceX di concentrare maggiori sforzi nello sviluppo della Dragon V2, la nuova versione che verrà usata anche per il trasporto di personale.

Il carico della navicella spaziale Dragon è di quasi esattamente 2,7 tonnellate tra la sezione pressurizzata e quella non pressurizzata. Ci sono circa 242 kg di cibo e altri rifornimenti per l’equipaggio della Stazione spaziale Internazionale ma la maggior parte del carico è costituita da strumenti, hardware vario e altri materiali necessari a esperimenti e ricerche scientifiche condotti a bordo della Stazione.

Circa una tonnellata è contenuta nella sezione non pressurizzata ed è costituita da tre carichi. Roll-Out Solar Array (ROSA) è un nuovo tipo di pannelli solari arrotolabile e quindi più compatto nella fase di lancio rispetto a quelli rigidi utilizzati ora. Neutron Star Interior Composition Explored (NICER) è uno strumento che verrà installato all’esterno della Stazione Spaziale Internazionale per studiare le stelle di neutroni.

Il terzo carico è costituito da Multiple User System for Earth Sensing (MUSES), una piattaforma per l’osservazione della Terra sui cui sarà possibile installare telecamere digitali e altri strumenti. Lo scopo è avere strumenti che possano rimanere puntati con grande precisione sul loro obiettivo e che potranno essere usati anche per servizi commerciali, ad esempio per aiutare gli agricoltori a tenere d’occhio la situazione delle loro coltivazioni.

La navicella spaziale Dragon è ora in rotta verso la Stazione Spaziale Internazionale e tutto procede regolarmente. L’arrivo alla Stazione è previsto per lunedi: alle 16.00 italiane circa la Dragon dovrebbe essere catturata dal braccio robotico della Stazione. Nel frattempo, il primo stadio del razzo vettore Falcon 9 è atterrato con successo a Cape Canaveral ma ormai quasi nessuno lo nota più.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *