La possibile scoperta di un’esoluna annunciata frettolosamente tra voci e prudenza

Concetto artistico di pianeta gigante gassoso con una luna abitabile (Immagine cortesia Andy McLatchie)
Concetto artistico di pianeta gigante gassoso con una luna abitabile (Immagine cortesia Andy McLatchie)

Un articolo inviato ad arXiv, il celeberrimo archivio delle bozze definitive (preprint) di articoli scientifici, descrive la scoperta di una candidata esoluna. Un team di ricercatori guidato da David Kipping della Columbia University ha condotto una ricerca di lune orbitanti attorno a esopianeti osservati dal telescopio spaziale Kepler della NASA trovando la candidata chiamata Kepler-1625b I. Generalmente i risultati delle ricerche vengono pubblicati su una rivista scientifica alla fine del lavoro ma le voci si sono diffuse convincendo i ricercatori a inviare un articolo almeno su arXiv.

Ormai siamo abituati agli annunci della scoperta di nuovi esopianeti in altri sistemi solari, tanto che ciò fa notizia solo se mostrano similitudini con la Terra sufficienti a suggerire che siano potenzialmente abitabili da forme di vita simili a quelle terrestri. Essi rimangono ancora difficile da scoprire, infatti le migliaia di cui è stata accertata sono nel vicinato dal punto di vista astronomico. Tuttavia è chiaro che è normale che le stelle abbiano pianeti, come il Sole, ma allora dovrebbe essere normale che almeno alcuni di essi abbiano lune, dove sono?

Uno dei metodi per scoprire gli esopianeti è quello del transito, rilevando il piccolissimo calo della luminosità di una stella quando un pianeta le passa davanti. Esso può essere utile anche per scoprire eventuali lune ma esse sono più piccole dei pianeti perciò il calo della luce della loro stella provocato dal loro passaggio è davvero piccolissimo.

Nel corso dei 20 anni di storia di ricerca di esopianeti, è già capitato che quello che sembrava un pianeta fosse invece una variazione di luminosità dovuta ad altre cause. Anche per possibili esolune sono già capitati inganni del genere, dovuti anche a problemi strumentali perché Kepler è un telescopio spaziale straordinario ma ha i suoi limiti.

Alla fine del 2013 avvenne quello che forse fu il principale caso di potenziale scoperta di un’esoluna che diede esito negativo ma negli ultimi anni ce ne sono stati diversi. Alcuni anni fa l’astronomo David Kipping ha fondato il programma Hunt for Exomoons with Kepler (HEK), affiliato all’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, che ha appunto lo scopo di cercare esolune utilizzando le osservazioni effettuate dal telescopio spaziale Kepler della NASA.

Analizzando assieme al suo team i dati relativi al sistema della stella Kepler-1625, distante circa 4.000 anni luce dalla Terra, David Kipping ha scoperto quella che sembra un’anomalia riguardante uno dei suoi pianeti, Kepler-1625 b. I transiti di questo pianeta di fronte alla sua stella lasciano tracce distorte e ciò suggerisce che sia dovuto alla presenza di un secondo oggetto vicino al pianeta che ne altera le tracce.

I dati suggeriscono che il pianeta Kepler-1625 b sia simile a Giove, la candidata luna Kepler-1625 b I potrebbe essere davvero grande, perfino quanto Nettuno. La prima esoluna sarebbe di gran lunga la più grande luna mai scoperta, ben più grande di qualsiasi luna del sistema solare. Nel febbraio 2017 un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” ha descritto una ricerca sulla possibile formazione di grandi lune in seguito alla collisione di due pianeti ma se Kepler-1625 b I venisse confermata sarebbe davvero enorme!

Tutto ciò per il momento è il frutto di osservazioni ancora da confermare. Per questo motivo il team di David Kipping ha fatto richiesta di poter osservare il sistema di Kepler-1625 con il telescopio spaziale Hubble ma ciò ha avuto come conseguenza voci su Internet riguardanti quella possibile scoperta e alla decisione di rivelare i dati raccolti finora.

Normalmente la trasparenza nelle ricerche scientifiche è positiva ma quando porta a pubblicare articoli prima del completamento di uno studio possono emergere problemi. La ricerca di esolune è un argomento caldo tra gli astronomi ma sarà necessario attendere ulteriori osservazioni per capire se Kepler-1625 b I esista davvero o se si tratta di un altro errore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *