Vortici giganteschi scoperti sul Sole

Diagramma delle onde solari di Rossby (Immagine cortesia MPS/NASA/HormesDesign)
Diagramma delle onde solari di Rossby (Immagine cortesia MPS/NASA/HormesDesign)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive le prove della presenza di onde gigantesche chiamate onde di Rossby sulla superficie del Sole. Un team di scienziati guidati dal Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) e dall’Università di Gottinga hanno scoperto questi vortici con dimensioni paragonabili a quelle del Sole stesso confermando un’ipotesi proposta a decenni fa perché essi esistono naturalmente in fluidi in rotazione.

Le onde di Rossby sono ben conosciute in relazione a fenomeni di fisica dell’atmosfera e oceanografia. Nel caso del Sole, c’era il sospetto che un fenomeno analogo fosse presente anche nel gas della nostra stella, il problema era riuscire a osservarlo. Laurent Gizon, direttore dell’MPS e tra gli autori dell’articolo, ha spiegato che le onde solari di Rossby hanno ampiezze molto piccole e periodi di vari mesi e ciò ne rende difficile la rilevazione.

Per riuscire a ottenere le osservazioni necessarie, i ricercatori hanno usato i dati raccolti nell’arco di sei anni dallo strumento Heliospheric and Magnetic Imager (HMI) del Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA, che ha iniziato la sua missione scientifica nel 2010. Questo strumento è dotato di una risoluzione spaziale abbastanza elevata da permettere di seguire i movimenti dei granuli fotosferici sulla superficie del Sole, celle convettive con un diametro fino a 1.600 chilometri.

Un’attenta analisi delle immagini del Sole hanno permesso ai ricercatori di usare quei granuli come traccianti passivi per rivelare i flussi di vortici sottostanti, che sono associati alle onde di Rossby. Tecniche legate all’eliosismologia hanno offerto una conferma a quelle scoperte permettendo di tracciare le onde fino a profondità di 20.000 chilometri sotto la superficie del Sole.

Nel marzo 2017 un articolo sempre pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” aveva descritto la rilevazione di prove indirette delle onde di Rossby sul Sole basata sull’osservazione degli spostamenti di macchie brillanti sulla corona solare. Tuttavia, gli autori della nuova ricerca basata sui dati dell’osservatorio solare SDO non hanno notato collegamenti tra quegli spostamenti e le onde di Rossby. Insomma, le nuove prove dell’esistenza di quei vortici sono molto più conclusive.

Questa ricerca può rappresentare l’inizio di nuovi studi sul Sole per capire l’influenza delle onde di Rossby sul suo tempo atmosferico. L’attività solare può avere un impatto anche notevole sulla Terra perciò tutti i fenomeni in atto sulla nostra stella meritano attenzione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *