Un asteroide anomalo nella fascia di Kuiper

Rappresentazione artistica di 2004 <sub><figcaption class=EW95 (Immagine ESO/M. Kornmesser)" width="640" height="425" srcset="http://tachyonbeam.com/wp-content/uploads/2018/05/eso1814a.jpg 640w, http://tachyonbeam.com/wp-content/uploads/2018/05/eso1814a-300x199.jpg 300w" sizes="(max-width: 640px) 100vw, 640px" /> Rappresentazione artistica di 2004 EW95 (Immagine ESO/M. Kornmesser)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Letters” descrive lo studio di un asteroide catalogato come 2004 EW95 che ha confermato di avere caratteristiche anomale, essendo il primo nella fascia di Kuiper a mostrare un notevole contenuto di carbonio. Un team di astronomi ha utilizzato il VLT dell’ESO per studiare un asteroide che probabilmente si è formato nella fascia tra Giove e Marte per poi essere spinto verso l’esterno del sistema solare.

L’asteroide 2004 EW95, la cui classificazione completa è (120216) 2004 EW95, è stato scoperto nel 2004 e l’orbita calcolata grazie alle osservazioni effettuate nel corso degli anni indicano che la sua distanza varia tra circa 4 e 7.86 miliardi di chilometri dal Sole, tra 27 (perielio) e 52,6 (afelio) volte quella della Terra dal Sole. Attualmente, la sua distanza è poco maggiore di quella al perielio.

Inizialmente, 2004 EW95 sembrava uno dei tanti oggetti transnettuniani che vengono avvistati in continuazione grazie a strumenti sempre più sofisticati. Con i suoi 291 chilometri circa di lunghezza ha dimensioni notevoli per un asteroide ma nella fascia di Kuiper ci sono anche pianeti nani perciò non sembrava nulla di speciale.

Quando 2004 EW95 è stato osservato con il telescopio spaziale Hubble negli anni scorsi, l’astronomo Wesley Fraser della Queen’s University di Belfast ha notato che lo spettro di riflessione, lo schema delle lunghezze d’onda della luce riflessa in questo caso dall’asteroide, era diversa da quella di altri corpi celesti nella fascia di Kuiper di dimensioni simili.

Wesley Fraser fa parte del team guidato da Tom Seccull, anche lui della Queen’s University, che ha condotto le nuove osservazioni con il VLT (Very Large Telescope). Per la precisione, gli strumenti X-Shooter e FORS2 (FOcal Reducer and low dispersion Spectrograph 2) montati sul VLT sono stati utilizzati per cercare di ottenere altre informazioni sull’asteroide 2004 EW95.

Anche un telescopio potente come VLT fatica a osservare un oggetto lontano come 2004 EW95 perciò i ricercatori hanno utilizzato una tecnica avanzata di elaborazione dei dati per ottenere le informazioni di cui avevano bisogno. Alla fine, sono riusciti a rilevare la presenza di ossido ferrico e fillosilicati. È la prima volta che quei composti sono stati rilevati con certezza in un oggetto nella fascia di Kuiper e ciò suggerisce che si sia formato nel sistema solare interno.

Nel passato, altri oggetti nella fascia di Kuiper avevano mostrato caratteristiche anormali ma nel caso di 2004 EW95 la sua natura di asteroide carbonaceo è stata accertata. Generalmente un asteroide non fa notizia a meno che non venga da un altro sistema stellare ma in questo caso è probabile che si sia formato tra Marte e Giove e poi sia stato spinto nella fascia di Kuiper. Ciò significa che sarà utile per verificare i modelli di formazione del sistema solare e le previsioni del periodo caotico che ne ha caratterizzato l’evoluzione durante la formazione dei pianeti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *