Un vicinato affollato per la Nebulosa Tarantola

Il vicinato della Nebulosa Tarantola (Immagine ESO)
Il vicinato della Nebulosa Tarantola (Immagine ESO)

Un’immagine pubblicata dall’ESO mostra la Nebulosa Tarantola assieme alle aree vicine nei loro dettagli. Un team di astronomi ha utilizzato il VLT Survey Telescope (VST) all’Osservatorio del Paranal dell’ESO, in Cile, per cogliere dettagli mai visti di ammassi stellari, nubi di gas brillante e resti sparsi di supernove. Si tratta dell’immagine più nitida mai ottenuta di quella regione della Grande Nube di Magellano, una delle galassie nane satelliti della Via Lattea.

La Nebulosa Tarantola, conosciuta anche come 30 Doradus o con le sigle NGC 2070 e C 10, è una regione starburst, cioè caratterizzata da una straordinaria formazione stellare. Per questo motivo è oggetto di molte attenzioni da parte degli astronomi e ad esempio un articolo pubblicato all’inizio del 2018 sulla rivista “Science” descriveva la quantità decisamente fuori dal normale di stelle massicce trovare in quella nebulosa.

Stavolta gli astronomi hanno condotto osservazioni di una regione più ampia perciò nelle immagini la Nebulosa Tarantola, con un’estensione di oltre mille anni luce, è quella nella parte superiore. Oltre a giovani stelle, ce ne sono altre più vecchie come nell’ammasso Hodge 301, dove ci sono resti di vare supernove. C’è ad esempio N157B in quella che è definita una superbolla dove c’è l’ammasso NGC 2060. Sul confine della nebulosa ci sono i resti della supernova SN 1987A. Il resto dell’immagine mostra quello che è stato definito un vicinato affollato, dove ci sono anche altre aree cosmiche interessanti.

Alla sinistra della Nebulosa Tarantola c’è l’ammasso aperto luminoso NGC 2100 con una concentrazione di stelle massicce, blu e molto brillanti, e attorno a esse stelle rosse. Al centro delle immagini c’è l’ammasso stellare NGC 2074 con una nebulosa a emissione che costituisce un’altra area di formazione stellare. Lì c’è il cosiddetto Cavalluccio marino della Grande Nube di Magellano, una struttura lunga circa 20 anni luce. Da un punto di vista astronomico non avrà una lunga vita perché la formazione stellare spazzerà via quella polvere nell’arco di qualche milioni di anni.

Per ottenere questa nuova immagine è stata usata una speciale macchina fotografica chiamata OmegaCAM, che dal 2011 viene usata per aiutare questo e altri tipi di ricerche. In questo caso, ha permesso di offrire una vista straordinaria di un’area molto interessante della Grande Nube di Magellano, una galassia nana distante circa 160.000 anni luce dalla Terra e con un diametro di “soli” 14.000 anni luce ma piena di oggetti da studiare per capire i processi di nascita ed evoluzione stellare.

Il vicinato della Nebulosa Tarantola con note (Immagine ESO)
Il vicinato della Nebulosa Tarantola con note (Immagine ESO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *