Uno studio dell’Anello Fuso aiuta a ricostruire la sua storia

L'Anello Fuso visto da Hubble (Immagine Anastasio Díaz-Sánchez (Universidad Politécnica de Cartagena))
L’Anello Fuso visto da Hubble (Immagine Anastasio Díaz-Sánchez (Universidad Politécnica de Cartagena))

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta uno studio sull’anello di Einstein soprannominato Anello Fuso per il suo aspetto “liquido” e perché è stato individuato nella costellazione della Fornace. Un team di ricercatori ha utilizzato osservazioni condotte con il telescopio spaziale Hubble e con lo strumento FORS 2 sul VLT in Cile dell’oggetto formalmente classificato come GAL-CLUS-022058s per studiare le sue caratteristiche fisiche. L’anello è in realtà una galassia la cui luce è stata distorta da una lente gravitazionale e, secondo le conclusioni dello studio, è lontana circa 9,4 miliardi di anni luce dalla Terra.

Le lenti gravitazionali possono essere molto utili agli astronomi per vedere oggetti che altrimenti sarebbero troppo lontani per essere rilevati. Il problema è che le immagini che giungono sulla Terra sono generalmente distorte. Gli anelli di Einstein sono piuttosto regolari e quello che è stato soprannominato Anello Fuso è uno dei più completi mai scoperti. Nel dicembre 2020 una sua foto è stata scelta come foto della settimana dal team Hubble ma oltre a un’immagine suggestiva c’era un oggetto di studio molto interessante.

Lo studio dell’Anello Fuso è stato condotto usando anche dati raccolti nel 2008 con lo strumento FORS (FOcal Reducer and low dispersion Spectrograph) 2 montato sul VLT (Very Large Telescope) dell’ESO. In particolare, questi dati sono stati utili per determinare il suo redshift. Un’altra parte del lavoro consiste nel ricostruire l’immagine originale della galassia, distorta dalla gravità dell’ammasso galattico che genera l’effetto di lente gravitazionale. Secondo i calcoli dei ricercatori, l’immagine è stata ingrandita circa 20 volte, come se Hubble avesse uno specchio primario di 48 metri di diametro.

I risultati dello studio indicano che l’Anello Fuso è una galassia distante circa 9,4 miliardi di anni luce dalla Terra. La ricostruzione del suo aspetto mostra che si tratta di una galassia a spirale, come la Via Lattea. La vediamo com’era nel periodo di picco per la formazione stellare nell’universo perciò è utile anche per capire i processi in atto in un’epoca chiave nella storia dell’universo. Quella notevole formazione stellare ha influenzato notevolmente l’evoluzione delle galassie. In sostanza, studiare le caratteristiche dell’Anello Fuso contribuisce a ricostruire la storia che ha portato l’universo a essere ciò che è oggi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *