Missione CRS-10: la navicella spaziale SpaceX Dragon ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale

Il cargo spaziale Dragon di SpaceX catturato dal braccio robotico della Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)
Il cargo spaziale Dragon di SpaceX catturato dal braccio robotico della Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Dragon di SpaceX è stata catturata dal braccio robotico Canadarm2 della Stazione Spaziale Internazionale. Thomas Pesquet, assistito dal collega Shane Kimbrough, ha gestito l’operazione e ha cominciato a spostare la Dragon verso il punto d’attracco al modulo Harmony. Il cargo spaziale era partito domenica scorsa.

L’avvicinamento della navicella Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale segue una procedura ormai diventata di routine che però rimane lunga e delicata. La sicurezza della Stazione è la priorità assoluta perciò ogni piccolo passo della Dragon viene controllato. Solo se tutto va bene nella posizione e nella velocità della navicella si procede con il passo successivo e in caso di problemi può essere abortita a ogni passo.

È esattamente ciò che è successo ieri quando il sistema di navigazione GPS della Dragon ha rilevato valori errati e il computer di bordo non è stato in grado di stabilire le posizioni relative della navicella spaziale e della Stazione Spaziale Internazionale. La conseguenza è stata l’interruzione dell’avvicinamento per motivi di sicurezza. La procedura è stata rimandata di 24 ore e oggi è ricominciata ed è stata condotta con successo.

Domani l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale aprirà il portello della navicella spaziale Dragon e comincerà a scaricare i contenuti. La Dragon rimarrà attraccata alla Stazione per alcune settimane dato che è previsto che riparta il 23 marzo 2017. Nel corso del prossimo mese, una serie di esperimenti e altri oggetti da riportare sulla Terra verranno caricati su di essa, che è l’unica navicella cargo in grado di ritornare sulla Terra intatta.

La Dragon ripartirà dalla Stazione Spaziale Internazionale con il suo nuovo carico. La missione CRS-10 verrà completata con la discesa nell’Oceano Pacifico, al largo della California. Anche quest’ultima fase è importante perché varie analisi approfondite di campioni possono essere effettuate solo in laboratori specializzati sulla Terra.

Per SpaceX è importante aver ripreso le sue missioni dopo l’esplosione del razzo Falcon 9 avvenuta nel settembre 2016. La missione CRS-10 ha rappresentato l’inizio della nuova attivita per la piattaforma 39A di Cape Canaveral, che verrà utilizzata dall’azienda di Elon Musk per alcuni dei suoi lanci dopo che per decenni è stata usata per missioni Apollo e Space Shuttle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *