Una rilevazione dell’atmosfera del pianeta GJ 1132b

Concetto artistico del pianeta GJ 1132b e della sua stella (Immagine cortesia MPIA)
Concetto artistico del pianeta GJ 1132b e della sua stella (Immagine cortesia MPIA)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astronomical Journal” descrive una ricerca sull’esopianeta GJ 1132b. Un team guidato dal dottor John Southworth della Keele University e dall’associato INAF Luigi Mancini ha usato il telescopio da 2,2 metri ESO/MPG in Cile per studiare direttamente questa super-Terra durante il transito di fronte alla sua stella e rilevarne la sua atmosfera. Si tratta della prima prova diretta dell’esistenza di atmosfera per un pianeta di dimensioni simili alla Terra, anche se potrebbe essere molto più simile a Venere.

Il pianeta GJ 1132b, o Gliese 1132b, è stato scoperto nel 2015 e per la massa 1,6 volte quella della Terra e la dimensione circa 1,4 volte quella della Terra è stato subito messo al centro di varie ricerche. In realtà, per molti versi si è visto subito che è poco promettente perché è talmente vicino alla sua stella che il suo anno dura solo 1,6 giorni terrestri. La stella è una nana rossa davvero piccola ma la temperatura superficiale è stimata attorno ai 230° Celsius.

Potrebbe trattarsi di un super-Venere piuttosto che di una super-Terra e nell’agosto 2016 in un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” veniva avanzata l’ipotesi che la sua atmosfera contenesse ossigeno anche in assenza di forme di vita. In realtà non c’era alcuna certezza che vi fosse un’atmosfera di qualche tipo ma ora questa nuova ricerca ha portato prove che c’è, anche se le informazioni sono ancora vaghe.

Il fatto che il pianeta GJ 1132b abbia un anno così breve è stato un vantaggio perché passa in continuazione di fronte alla sua stella, rendendo possibile analizzare molte sue osservazioni a varie bande di lunghezze d’onda usando lo strumento GROND (Gamma-Ray Burst Optical/Near-Infrared Detector) montato sul telescopio ESO/MPG. Il risultato è che il pianeta appare più grande nella banda degli infrarossi e ciò suggerisce che possieda un’atmosfera che lo rende opaco a quelle lunghezze d’onda e trasparente alle altre.

Questa tecnica non permette di capire con certezza la composizione dell’atmosfera di un esopianeta perciò al momento è possibile solo fare supposizioni basate sui composti opachi agli infrarossi. L’importanza di questa scoperta sta nel fatto che si tratta della prima prova diretta della presenza di un’atmosfera per un pianeta simile alla Terra o a Venere, tanto più perché nane rosse come GJ 1132 sono estremamente comuni e le ricerche si stanno concentrando sempre più su di esse.

Ciò che i ricercatori possono dire è che l’atmosfera di GJ 1132b non è uguale a quella di Venere perché le rilevazioni non sono compatibili con quelle di un’atmosfera densa composta quasi totalmente di anidride carbonica. Potrebbe essere composta soprattutto d’acqua o di metano o di una miscela di questi composti, quindi ben diversa da quella della Terra o di Venere.

Per avere informazioni più precise sull’atmosfera del pianeta GJ 1132b i ricercatori intendono usare altri strumenti come il telescopio spaziale Hubble e il VLT dell’ESO. Come succede per molti esopianeti interessanti, il grosso passo in avanti potrà essere fatto nei prossimi anni, quando verrà lanciato il telescopio spaziale James Webb.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *