Tracce di antichissimi fiumi nei Libya Montes su Marte

Libya Montes (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, , CC BY-SA 3.0 IGO)
Libya Montes (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, , CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato immagini dell’area del pianeta Marte conosciuta come Libya Montes scattate dalla sua sonda spaziale Mars Express. Si tratta di una catena montuosa vicina all’equatore marziano ed è una delle più antiche di Marte, alterata da processi vulcanici e impatti ma anche da processi associati all’esistenza di fiumi. Nelle immagini è infatti possibile identificare vari canali e valli, tracce degli antichissimi flussi d’acqua.

Queste scoperte sono tutt’altro che sorprendenti dato che da anni molti scienziati stanno ricostruendo le tracce di antichissimi mari, laghi e fiumi su Marte usando dati raccolti dalle sonde spaziali di ESA, NASA e negli ultimi anni anche dalla sonda indiana MOM. Nell’area dei Libya Montes ci sono le tracce di un fiume, che nell’immagine in alto va dal lato sinistro a quello destro, che in realtà è da sud a nord, risalente a circa 3,6 miliardi di anni fa. Apparentemente la sua origine è nel cratere sul lato sinistro, uscita da esso il suo corso lo portava verso il lato destro.

Le tracce geologiche suggeriscono che l’acqua provenisse dalle piogge di quell’antichissima epoca, che potevano essere abbondanti. L’acqua piovana scendeva dalle regioni più elevate fino al fiume e un altro di quel tipo è visibile nella parte in basso a destra dell’immagine in alto. Le varie attività che hanno formato Libya Montes potrebbero essere legate a quelle che hanno formato il bacino da impatto di Isidis Planitia, che con i suoi 1.225 chilometri di diametro circa domina la regione a nord dei Libya Montes.

Gli impatti erano comuni all’epoca e crateri più piccoli sono ancora visibili nei Libya Montes. I due crateri vicini al centro dell’immagine in alto sono addirittura parzialmente sovrapposti, facendo pensare a una pioggia di meteoriti o a un grande meteorite che si è spezzato nell’atmosfera di Marte, che allora era molto più densa di quella attuale. I vari crateri mostrano diversi stati di erosione e quindi altre tracce di ciò che è successo in quell’epoca lontana.

L’esame dei minerali è importante perché mostra dove c’erano flussi d’acqua. Ad esempio, grazie alle rilevazioni spettrometriche sono stati scoperti vari minerali argillosi che possono essersi formati solo in presenza d’acqua. Nei Libya Montes i ricercatori hanno ricostruito la loro formazione in seguito all’attività vulcanica che ha prodotto rocce successivamente alterate da acqua e calore. C’erano sorgenti idrotermali che probabilmente sono rimaste attive per decine di migliaia di anni.

La presenza di antichissimi fiumi e vulcani su Marte ormai non è una notizia straordinaria, invece trovare zone in cui ci potessero essere condizioni favorevoli alla vita è importante. Da questo punto di vista, le sorgenti idrotermali sono probabilmente l’elemento più interessante perché sono considerate potenziali “culle” per la nascita di forme di vita. Ciò non vuol dire affatto che siano davvero emerse ma si tratta di aree da studiare ulteriormente.

Vista in prospettiva dei Libya Montes (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Vista in prospettiva dei Libya Montes (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *