La NASA ha pubblicato mappe di Plutone e Caronte assieme a video che ne riproducono la superficie

Mappa di Plutone e Caronte (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI/LPI)
Mappa di Plutone e Caronte (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI/LPI)

In occasione del secondo anniversario del passaggio ravvicinato a Plutone della sonda spaziale New Horizons, la NASA ha pubblicato una mappa del pianeta nano e della sua luna più grande, Caronte. L’agenzia spaziale americana ha anche creato due filmati che riproducono parzialmente quel volo concentrandosi uno su Plutone e uno su Caronte. Essi forniscono una prospettiva davvero unica dando l’impressione di essere a bordo di una navicella che passa vicina a quei corpi celesti.

Negli ultimi anni la NASA ha fatto grandi progressi nella mappatura di alcuni pianeti ma anche di pianeti nani e perfino dell’asteroide gigante Vesta. Grazie al lavoro di rilevazione di varie sonde spaziali e a quello successivo di tante persone, le nostre conoscenze del sistema solare sono aumentate notevolmente. Nel caso di New Horizons, c’è stato un passaggio ravvicinato a una velocità elevatissima e quindi di durata limitata con alcuni limiti conseguenti.

Alla fine è stato possibile rilevare a elevata risoluzione solo una parte della superficie di Plutone e Caronte. In alcune aree era notte ed esse sono indicate in nero nelle mappe perché a quella distanza dal Sole la notte è davvero buia. Per alcune aree, indicate in grigio, sono stati utilizzati dati rilevati a una distanza maggiore durante i test preliminari che avevano cominciato a fornire le prime immagini verificando il corretto funzionamento degli strumenti. La loro risoluzione è molto inferiore a quella delle immagini catturate durante il passaggio ravvicinato ma è il meglio che era possibile fare.

Le aree colorate dell’immagine sono quelle in cui la risoluzione è di 300 metri per pixel nella versione più grande, assemblate dalle immagini migliori catturate dagli strumenti Long-Range Reconnaissance Imager (LORRI) e Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) della sonda spaziale New Horizons durante il passaggio ravvicinato. Usando quei dati assieme a vari modelli informatici è stato possibile creare anche i filmati che danno un’idea di come sia andato quel volo.

I rilievi topografici di Plutone e Caronte sono stati riprodotti nei filmati in maniera esagerata, tra due e tre volte quelli reali, per enfatizzarli. Anche i colori sono stati resi più intensi per permettere di apprezzare meglio i dettagli topografici sulla superficie dei due corpi celesti. Ciò perché c’era la volontà di far provare a chi guarda quei filmati la sensazione di vedere Plutone e Caronte più che di riprodurli fedelmente.

Nonostante i limiti di tempo determinati da un passaggio ravvicinato ad altissima velocità, la sonda spaziale New Horizons ha raccolto talmente tanti dati che ci ha messo ben oltre un anno per trasmetterli tutti al centro controllo missione sulla Terra. Ben presto è stata evidente la varietà esistente sulla superficie di Plutone, che si è rivelato davvero un meraviglioso piccolo mondo e ciò risulta ancora più chiaro nella visione d’insieme che finalmente gli scienziati della NASA hanno potuto offrire.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *