Ross 128 b è un esopianeta potenzialmente abitabile a 11 anni luce dalla Terra

Concetto artistico dell'esopianeta Ross 128 b e della sua stella (Immagine ESO/M. Kornmesser)
Concetto artistico dell’esopianeta Ross 128 b e della sua stella (Immagine ESO/M. Kornmesser)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” descrive la scoperta dell’esopianeta Ross 128 b, che potrebbe essere simile alla Terra con una massa almeno del 35% superiore a quella terrestre. Un team di ricercatori ha usato lo strumento HARPS all’osservatorio La Silla in Cile per scoprire questo pianeta distante circa 11 anni luce dalla Terra. La sua orbita potrebbe essere nella zona abitabile del suo sistema rendendolo il secondo esopianeta più vicino al sistema solare con quelle caratteristiche dopo Proxima b.

La stella Ross 128, conosciuta anche come Proxima Virginis, Gliese 447 and HIP 57548, è una nana rossa con un massa che è solo il 17% circa di quella del Sole, un raggio che è solo il 20% circa di quello del Sole e una temperatura sulla sua superficie che è poco più della metà di quella del Sole. La conseguenza è che l’irradiazione ricevuta dal pianeta Ross 128 b è del 38% superiore a quella che la Terra riceve dal Sole nonostante sia molto più vicino alla sua stella. Infatti, l’anno di quest’esopianeta dura solo 9,9 giorni terrestri dato che la sua distanza dalla sua stella è circa il 5% di quella della Terra dal Sole.

Non è certo che il pianeta Ross 128 b sia nella zona abitabile del suo sistema ma secondo gli autori della ricerca la combinazione di caratteristiche della sua orbita e della sua stella sono tali che sulla sua superficie potrebbero esserci temperature simili a quelle terrestri. Questo però è vero solo se il pianeta ha un’atmosfera ed essa ha una certa composizione e ciò andrà accertato con ulteriori studi. Ciò perché quest’esopianeta non transita tra la sua stella e la Terra perciò non è possibile effettuare questa verifica con gli strumenti attuali.

La scoperta del pianeta Ross 128 b conferma che le stelle piccole possono essere davvero interessanti, un bello stimolo per nuove ricerche, non solo con lo strumento HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher). Anche il fatto che le nane rosse sono di gran lunga le stelle più numerose e che hanno una vita molto lunga grazie al fatto che consumano il loro idrogeno molto lentamente è un fattore importante. Il sistema di Ross 128 ha un’età stimata in maniera vaga, oltre i 5 miliardi di anni e quindi più vecchio del sistema solare.

Un problema emerso con le scoperte di Proxima b e dei sette pianeti rocciosi nel sistema di TRAPPIST-1 è che le loro stelle, rispettivamente una nana rossa e una nana ultra-fredda, nonostante le piccole dimensioni sono molto attive con brillamenti molto violenti che potrebbero devastare i loro pianeti con radiazioni ultraviolette e perfino raggi X. Ross 128 è invece una stella molto più tranquilla, con brillamenti molto meno frequenti perciò anche da questo punto di vista le condizioni sul pianeta Ross 128 b potrebbero essere simili a quelle terrestri.

Il pianeta Ross 128 b sarà certamente oggetto di ulteriori studi. Xavier Bonfils dell’Institut de Planétologie et d’Astrophysique de Grenoble – Université Grenoble-Alpes/Cnrs, Grenoble, Francia, primo autore dell’articolo, ha dichiarato che le osservazioni saranno migliori quando entrerà in funzione lo strumento NIRPS (Near Infra Red Planet Searcher), che completerà HARPS all’osservatorio La Silla nell’agosto 2019.

Un’altra possibilità per il futuro sarà costituita da osservazioni del pianeta Ross 128 b con il telescopio Extremely Large Telescope (ELT), che dovrebbe essere attivato nel 2024. Si tratta del nuovo grande telescopio dell’ESO che permetterà di capire meglio le caratteristiche di questo e di altri esopianeti potenzialmente abitabili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *