Caligini nell’atmosfera potrebbero rendere Plutone ancor più freddo del previsto

Plutone e la sua atmosfera (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)
Plutone e la sua atmosfera (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sulle caligini presente nell’atmosfera del pianeta nano Plutone e sui loro effetti sulle sue temperature. Secondo un team guidato da Xi Zhang dell’Università della California a Santa Cruz quelle caligini assorbono il calore già tenue della luce solare ed emettono radiazioni infrarosse raffreddando l’atmosfera. Questa è la spiegazione al fatto che la sonda spaziale New Horizons della NASA ha misurato una temperatura perfino inferiore a quella prevista.

Nel corso del suo passaggio ravvicinato a Plutone del 14 luglio 2015, la sonda spaziale New Horizons ha effettuato una notevole serie di rilevazioni delle caratteristiche e in particolare della composizione dell’atmosfera del pianeta nano. Sulla base di ciò che era conosciuto gli scienziati avevano stimato che la temperatura su Plutone fosse attorno ai -193° Celsius, 100 Kelvin, ma le misurazioni hanno indicato che è di -203° Celsius, 70 Kelvin, notevolmente più fredda.

Ora questa nuova ricerca offre una spiegazione a quella discrepanza basata sulla presenza di caligini, una sorta di smog che diventa davvero denso vicino alla superficie. Si tratta di una delle componenti più importanti dell’atmosfera di Plutone rilevate dalla sonda spaziale New Horizons e secondo questa nuova ricerca è fondamentale nel determinare la temperatura sul pianeta nano.

L’atmosfera di Plutone è composta da vari strati: in quelli superiori avvengono reazioni chimiche causate dalle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. La ionizzazione di azoto e metano genera nanoparticolati, cioè particelle che hanno un diametro di alcune decine di millesimi di millimetro.

Questi nanoparticolati scendono pian piano nell’atmosfera e nel frattempo si aggregano formando particelle sempre più grandi fino a toccare la superficie. Xi Zhang ha dichiarato che secondo lui e i suoi collaboratori quelle particelle di idrocarburi sono collegate alle sostanze rossastre e marroncine notate nelle immagini della superficie di Plutone. Da questo punto di vista, sono in accordo con precedenti ricerche.

Nonostante la lontananza dal Sole, gli effetti delle radiazioni provenienti da esso hanno i loro effetti su questo piccolo mondo contribuendo a renderlo molto vivo ma in questo caso anche molto freddo. Lo rendono ancor più interessante proprio per l’influenza dei composti presenti nell’atmosfera. Infatti, secondo i ricercatori, questo tipo di studio potrà essere esteso a lune come Tritone, la grande luna di Nettuno, e Titano, la grande luna di Saturno, e perfino agli esopianeti.

Concetto artistico di Caronte visto attraverso le caligini nell'atmosfera di Plutone (Immagine cortesia X. Liu)
Concetto artistico di Caronte visto attraverso le caligini nell’atmosfera di Plutone (Immagine cortesia X. Liu)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *