Forse quelli che sembravano flussi di acqua liquida su Marte sono invece flussi di sabbia

RSL nel cratere Tivat su Marte (Immagine NASA/JPL-Caltech/UA/USGS)
RSL nel cratere Tivat su Marte (Immagine NASA/JPL-Caltech/UA/USGS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Geoscience” descrive una ricerca in cui un team di ricercatori sostiene che i segni di flussi di acqua liquida individuati su Marte sono in realtà costituiti da sabbia asciutta. La possibile esistenza di quelle che tecnicamente vengono chiamate RSL (recurring slope lineae), appunto strisce di sabbia bagnata da acqua liquida, era stata annunciata nel settembre 2015 dalla NASA. Nuovi studi dei dati raccolti dalla sonda spaziale MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) della NASA potrebbero invece mostrare una situazione diversa.

Le conclusioni dello studio di aree come il cratere Hale, che avevano portato all’annuncio del 2015, sembravano molto sicure nonostante il fatto che le spiegazioni dell’esistenza di acqua liquida fossero tutt’altro che complete. Nel luglio 2016 venne annunciata la scoperta di nuove RSL in alcune regioni della rete di canyon delle Valles Marineris. Altri dati vennero aggiunti ma i dubbi sui meccanismi che permettevano all’acqua di rimanere liquida nelle condizioni esistenti su Marte rimanevano.

Ora un gruppo di ricercatori ritiene di aver provato che in realtà le RSL sono formate da sabbia asciutta e non bagnata. Come i loro colleghi che hanno condotto gli studi precedenti, hanno esaminato le immagini raccolte dalla macchina fotografica HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) della sonda spaziale MRO. In questo studio hanno analizzato i pendii marziani sottolineando il fatto che le RSL sono presenti solo quando essi sono abbastanza ripidi, con una pendenza maggiore di 27 gradi, quanto basta perché granelli di sabbia e polvere scendano lungo il profilo.

Questa nuova analisi è stata condotta su RSL di 10 diversi siti per un totale di 151 strisce. In alcuni casi sono state trovate tracce dei sali che negli studi precedenti avevano suggerito che vi fosse acqua e potessero avere un effetto antigelo. In realtà, i sali potrebbero attrarre il poco vapore acqueo presente nell’atmosfera marziana perciò almeno a volte la sabbia potrebbe essere umida.

Colin Dundas del Centro scientifico di astrogeologia degli Stati Uniti presso il Geological Survey di Flagstaff, in Arizona, primo autore dell’articolo che descrive questo nuovo studio, ha dichiarato che il suo team è partito dall’ipotesi che nelle RSL fossero possibili flussi d’acqua liquida ma le pendenze erano più simili a ciò che si aspettavano per la sabbia asciutta. Questa nuova spiegazione supporta altre prove che mostrano che Marte oggi è molto secco.

Questa nuova spiegazione non chiarisce tutto, a cominciare dalla creazione e crescita dei flussi di sabbia lungo i pendii nel corso delle stagioni. Se effettivamente i sali assorbissero l’umidità presente nell’atmosfera, potrebbero influenzare quei flussi, anche modificandone il colore. Il meccanismo potrebbe essere fortemente legato all’ambiente di Marte.

Insomma, la questione delle RSL richiede ancora ulteriori studi e potrebbe essere necessario attendere una prossima missione con un rover in grado di andare a studiarne una da vicino per ottenere risposte definitive. Uno dei motivi di eccitazione riguardo alla possibilità di presenza di acqua liquida era collegata all’ipotesi che vi fossero anche forme di vita ma ciò significa che la NASA dovrà prestare estrema cura nella sterilizzazione di qualsiasi rover dovesse inviare in una di quelle aree per evitare rischi di contaminazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *