L’asteroide interstellare ‘Oumuamua ha strane caratteristiche

Rappresentazione artistica di 'Oumuamua (Immagine ESO/M. Kornmesser)
Rappresentazione artistica di ‘Oumuamua (Immagine ESO/M. Kornmesser)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive le osservazioni effettuate su ‘Oumuamua, com’è stato chiamato l’asteroide interstellare la cui scoperta è stata annunciata solo poche settimane fa. Era stato designato come A/2017 U1 ma dopo la creazione di una nuova classe di oggetti per gli asteroidi interstellari la designazione è stata modificata in 1I/2017 U1. Osservazioni effettuate con il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO e altri telescopi hanno mostrato che probabilmente è denso, roccioso, di colore rossiccio e con una forma molto allungata.

La scoperta di un asteroide che aveva una traiettoria anomala aveva fatto da subito pensare gli astronomi che si trattasse di un oggetto proveniente dall’esterno del sistema solare e ciò aveva fatto sensazione qualche settimana fa. La corsa alle osservazioni non era dovuta solo alla speranza da parte di qualche astronomo di legare il proprio nome allo studio del primo oggetto interstellare ma anche al fatto che esso era già passato per il punto più vicino al Sole ed era su una rotta che lo porterà nuovamente fuori dal sistema solare.

La scorsa settimana, l’International Astronomical Union (IAU) ha annunciato la creazione della nuova classe di oggetti interstellari. Ciò proprio in seguito alla scoperta di quest’asteroide, la cui designazione è diventata di conseguenza 1I/2017 U1. Allo stesso tempo, è stato annunciato che gli è stato dato un nome, ‘Oumuamua, derivante dalla mitologia hawaiana, una scelta dovuta al fatto che l’osservatorio che l’ha scoperto è situtato nelle Hawaii.

Karen Meech dell’Institute for Astronomy delle Hawaii, ha guidato un team di astronomi che ha usato lo strumento FORS (FOcal Reducer and low dispersion Spectrograph) installato sul VLT con 4 diversi filtri e ha confrontato le immagini dell’asteroide ottenute con quelle di altri telescopi. Il risultato è stato la scoperta che l’asteroide ha una fortissima variazione nella sua lucentezza, addirittura di un fattore dieci, mentre ruota sul suo asse ogni 7,3 ore.

Una variazione così forte è importante perché significa che l’asteroide ‘Oumuamua è molto allungato. Finora, gli oggetti conosciuti più allungati avevano una lunghezza circa 3 volte maggiore della larghezza ma quest’asteroide interstellare ha una lunghezza circa 10 volte maggiore della larghezza con una forma complessa e contorta. Il suo colore è rossiccio scuro, simile agli oggetti nell’area esterna del sistema solare, e non mostra alcuna attività che possa produrre polvere.

La forma di ‘Oumuamua è una delle stranezze di quest’asteroide e più che mai ha stimolato la fantasia del pubblico. Fin dalla sua scoperta, i fan di fantascienza hanno citato Rama in riferimento al romanzo di Arthur C. Clarke. In realtà, non ci sono indizi che facciano pensare che si tratti di un oggetto artificiale.

Vari telescopi continuano a osservare ‘Oumuamua ma si tratta di un lavoro sempre più difficile perché si sta allontanando dalla Terra. Si stima che passerà oltre l’orbita di Saturno all’inizio del 2019 e nel corso degli anni passerà attraverso le aree esterne del sistema solare. In futuro, il miglioramento degli strumenti astronomici potrebbe rendere più semplice individuare altri oggetti interstellari.

'Oumuamua osservato dal VLT e altri telescopi (Immagine ESO/K. Meech et al.)
‘Oumuamua osservato dal VLT e altri telescopi (Immagine ESO/K. Meech et al.)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *