Un Grande Vuoto tra Saturno e i suoi anelli

Alcuni dati raccolti dallo strumento RPWS (Immagine NASA/JPL-Caltech/University of Iowa)
Alcuni dati raccolti dallo strumento RPWS (Immagine NASA/JPL-Caltech/University of Iowa)

I primi risultati dell’analisi dei dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini nel corso del suo tuffo nello spazio tra il pianeta Saturno e i suoi anelli compiuto il 26 aprile 2017 hanno fornito una notevole sorpresa. I ricercatori hanno scoperto che gli strumenti di Cassini hanno registrato la presenza di pochissime particelle nel corso dell’attraversamento di quello spazio e tutte di dimensioni davvero minuscole, dell’ordine del micron. Si tratta di un mistero a cui i ricercatori sperano di trovare una spiegazione.

Lo spazio tra il pianeta Saturno e il bordo interno dei suoi anelli è largo solo 2.000 chilometri circa. I modelli di quell’ambiente creati basandosi sulle fotografie raccolte dalla sonda spaziale Cassini suggerivano che nell’area non ci fossero grandi particelle che potessero danneggiarla ma nessuna navicella spaziale era mai passata in quello spazio. I ricercatori si aspettavano che comunque ci fossero particelle, anche se piccole, e avevano riorientato la grande antenna a forma di disco del diametro di 4 metri di Cassini per usarla come scudo protettivo.

Il Radio and Plasma Wave Science (RPWS) e il magnetometro sono stati i due strumenti di Cassini con sensori all’esterno dell’antenna / scudo. RPWS ha rilevato l’impatto di centinaia di particelle al secondo quando la sonda spaziale ha attraversato il piano degli anelli appena all’esterno di quelli principali ma ne rilevate pochissime quando ha attraversato lo spazio tra Saturno e gli anelli il 26 aprile.

I dati rilevati sono stati convertiti in formato audio perciò gli impatti sono stati sentiti come crepitii e scoppiettii. Quelli relativi agli impatti avvenuti nello spazio tra Saturno e gli anelli sono stati contati sulle dita di una mano. L’analisi suggerisce che Cassini abbia incontrato sulla sua strada pochissime particelle e tutte di dimensioni attorno al micron, praticamente come particelle di fumo.

L’immagine confronta alcuni dati raccolti dallo strumento RPWS nel dicembre 2016 durante un passaggio di Cassini attraverso il tenue anello nell’area delle lune Giano ed Epimeteo e altri raccolti durante il tuffo del 26 aprile 2017. Nel primo caso c’è un picco in corrispondenza dell’area dell’anello mentre nel secondo caso non c’è nulla di paragonabile.

Data la vicinanza degli anelli, i ricercatori si aspettavano che Cassini incontrasse una quantità molto maggiore di particelle. Per questo motivo avevano pianificato di utilizzare l’antenna come scudo in tutti i 22 passaggi attraverso il bordo interno degli anelli e anche nello spazio tra Saturno e gli anelli. Un tale vuoto in quello spazio rappresenta un mistero che i ricercatori sperano di risolvere con i prossimi passaggi.

Questo mistero rappresenta una buona notizia perché significa che non sarà più necessari usare l’antenna come scudo nel corso dei prossimi tuffi nello spazio tra Saturno e gli anelli. Senza questa necessità, i black-out non saranno lunghi come quello del primo tuffo e non ci saranno limitazioni agli strumenti disponibili per le rilevazioni. Ciò permetterà di raccogliere molti dati diversi e di scattare più fotografie dell’area.

Saturno sta riservando sorprese fino alla fine della missione Cassini ed era necessario che la sonda spaziale si tuffasse in quell’area per accorgersi che è praticamente vuota. Cassini ha appena completato il secondo tuffo e nelle prossime ore dovrebbe ricontattare la Terra e inviare i nuovi dati.

Due video della NASA mostrano in modo più completo dati raccolti dallo strumento RPWS durante un passaggio di Cassini attraverso il tenue anello nell’area delle lune Giano ed Epimeteo e durante il tuffo del 26 aprile 2017 con la relativa versione audio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *