Almeno alcuni pianeti della stella TRAPPIST-1 potrebbe ancora avere acqua

Concetto artistico del sistema TRAPPIST-1 visto da uno dei suoi pianeti (Immagine ESO/N. Bartmann/spaceengine.org)
Concetto artistico del sistema TRAPPIST-1 visto da uno dei suoi pianeti (Immagine ESO/N. Bartmann/spaceengine.org)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astronomical Journal” descrive una ricerca nella quale viene fornita una stima della presenza di acqua sui sette pianeti del sistema della stella TRAPPIST-1. Un team di astronomi guidato da Vincent Bourrier dell’Oosservatorio dell’Università di Ginevra in Svizzera ha utilizzato il telescopio spaziale Hubble per esaminare quel sistema concludendo che i pianeti esterni sono quelli dove è più probabile che vi sia ancora una sostanziale quantità di acqua. Essi includono i tre pianeti nell’area abitabile del sistema.

Il sistema della stella nana ultra-fredda TRAPPIST-1 è sempre più al centro dell’attenzione di molti ricercatori da un paio d’anni e soprattutto da quando è stato confermato che ha sette pianeti rocciosi nel febbraio 2017. Varie ricerche basate su osservazioni effettuate con vari telescopi spaziali e al suolo stanno offrendo sempre più informazioni su questi pianeti ma le analisi dei dati sono lunghe e complesse. La conseguenza è che i progressi sono lenti ma ciò è normale dato che riguardano un intero sistema solare anche quando sono concentrate su un elemento specifico.

Una delle domande chiave sui pianeti di TRAPPIST-1 riguarda la presenza d’acqua e a livello teorico le varie ricerche offrivano alcuni indizi ottimisti e altri pessimisti. Date le posizioni dei pianeti, in teoria è possibile che su tutti vi sia acqua liquida in almeno alcune aree. D’altra parte, la forte attività della stella, con eruzioni molto violente soprattutto quand’era giovane, suggeriva che se in origine c’era acqua sui pianeti ne possano averne perso enormi quantità nel corso del tempo.

Ora un team internazionale di astronomi ha esaminato la quantità di radiazioni ultraviolette che colpisce i pianeti di TRAPPIST-1 per cercare di capire quanta acqua vi possa essere sulla loro superficie. Una forte quantità di ultravioletti può spezzare le molecole d’acqua in idrogeno e ossigeno che successivamente possono perfino sfuggire dall’atmosfera.

L’idrogeno attorno agli esopianeti può essere rilevato dal telescopio spaziale Hubble ed è un possibile indicatore della presenza di vapore acqueo nellla loro atmosfera che viene spezzato nel tempo negli elementi che lo compongono. Purtroppo in questo caso le informazioni ottenute sono state troppo vaghe per poter essere utili.

Un altro articolo pubblicato sulla rivista “The Astronomical Journal” descrive una ricerca sul ruolo delle emissioni ultraviolette sulla possibile nascita di forme di vita su pianeti che orbitano attorno a nane rosse. Secondo un team guidato da Sukrit Ranjan dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA), queste stelle potrebbero non emettere ultravioletti a sufficienza per generare le reazioni chimiche necessarie alla nasciata di forme di vita.

Secondo i ricercatori che hanno studiato il sistema di TRAPPIST-1 con il telescopio spaziale Hubble, questa stellina è piccolissima ma emette fin troppi ultravioletti almeno per i pianeti più vicini. Le loro osservazioni suggeriscono anche che se sui suoi pianeti c’era acqua essi ne abbiano perduto enormi quantità.

I due pianeti più interni, TRAPPIST-1b e TRAPPIST-1c, sono quelli che ricevono la maggior quantità di ultravioletti. Secondo le stime, potrebbero aver perso l’equivalente di 20 volte l’acqua degli oceani terrestri nel corso di 8 miliardi di anni. L’età del sistema non è certa ma una recente ricerca indica che è molto più antico del sistema solare perciò potrebbe avere 8 miliardi di anni.

La situazione è migliore per gli altri pianeti, che potrebbero avere ancora acqua sulla loro superficie. I pianeti indicati con le sigle e, f e g sono all’interno dell’area abitabile del sistema perciò quella possibilità è particolarmente intrigante. Le stime indicano che i pianeti esterni più massicci dovrebbero essere quelli su cui è rimasta la maggior quantità di acqua. Purtroppo si tratta di stime basate su dati limitati perciò ci sono molte incognite.

Gli autori della ricerca sul sistema di TRAPPIST-1 sono i primi a dire che servono altri dati e altri studi per capire bene il potenziale di abitabilità dei vari pianeti. È comunque una conferma di quanto questo sistema sia interessante per mettere alla prova gli attuali modelli teorici e per studiare un caso reale.

Concetto artistico della superficie di un pianeta che orbita attorno a una nana rossa (Immagine M. Weiss/CfA)
Concetto artistico della superficie di un pianeta che orbita attorno a una nana rossa (Immagine M. Weiss/CfA)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *