Molecole complesse scoperte nelle nubi della galassia NGC 253

La galassia NGC 253 e le molecole scoperte (Immagine ESO/J. Emerson/VISTA, ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Ando et al. Acknowledgment: Cambridge Astronomical Survey Unit)
La galassia NGC 253 e le molecole scoperte (Immagine ESO/J. Emerson/VISTA, ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Ando et al. Acknowledgment: Cambridge Astronomical Survey Unit)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” descrive l’individuazione di 8 nubi molecolari all’interno della galassia NGC 253 in cui sono state individuate 19 diverse molecole complesse. Un team di ricercatori guidato da Ryo Ando dell’Università di Tokyo ha usato il radiotelescopio ALMA per rilevare le “firme” di molecole tra cui tioformaldeide, metanolo, acido acetico, cianuro di idrogeno, propino e altre molecole organiche, la prima rilevazione del genere al di fuori della Via Lattea.

La galassia NGC 253 ha una distanza stimata in quasi 11 milioni e mezzo di anni luce dalla Terra. Si tratta di una galassia a spirale di tipo starburst, che significa che al suo interno vi è un’intensa formazione stellare. Per cercare di capire meglio quella grande attività il team di Ryo Ando ha esaminato NGC 253 sfruttando la grande potenza e sensibilità del radiotelescopio ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array), inaugurato nel marzo 2013.

I ricercatori hanno individuato vicino al centro della galassia NGC 253 un totale di 8 nubi molecolari, le culle in cui è concentrata l’attività di formazione stellare. Esse hanno dimensioni attorno ai 30 anni luce ciascuna permettendo di concentrare le osservazioni e di rilevarne la struttura dettagliata. Ci sono varie molecole che emettono onde radio e possono essere identificate dalle loro frequenze, indicate nell’immagine assieme ad esse.

Questa caratteristica ha rivelato la ricchezza delle nubi esaminate con la presenza di molecole come formaldeide, cianuro di idrogeno e varie molecole organiche. Le nubi sono simili per quanto riguarda dimensioni e massa e sono relativamente vicine tra loro ma i ricercatori si sono resi conto che ci sono nette differenze nella loro composizioni.

Una nube in particolare ha rivelato una notevole varietà con l’identificazione di 19 molecole complesse presenti al suo interno come tioformaldeide, propino e molecole organiche come metanolo e acido acetico. Questo tipo di varietà è stato individuato nella Via Lattea ma è la prima volta che viene scoperto in un’altra galassia.

Secondo i ricercatori questa giungla molecolare è un aggregato di bozzoli densi e caldi attorno a stelle neonate. Il gas di questi bozzoli viene riscaldato dall’interno da centinaia di giovani stelle e la conseguenza è una gran quantità di reazioni chimiche che finisce per formare varie molecole complesse.

Questa scoperta è interessante per capire i processi in atto nelle galassie starburst, che si evolvono in maniera molto rapida con una formazione stellare a ritmi elevatissimi. La presenza di tante molecole complesse dove molto probabilmente si sono formati nuovi sistemi solari offre anche intriganti possibilità per “seminare” pianeti e contribuire alla nascita di nuove forme di vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *