Encelado potrebbe avere un nucleo poroso che permetterebbe di avere un oceano di acqua liquida per miliardi di anni

Schema dell'interno di Encelado (Immagine Surface: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute; interior: LPG-CNRS/U. Nantes/U. Angers. Graphic composition: ESA)
Schema dell’interno di Encelado (Immagine Surface: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute; interior: LPG-CNRS/U. Nantes/U. Angers. Graphic composition: ESA)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive una ricerca che presenta una possibile spiegazione per l’esistenza a lungo termine di attività idrotermali e di un oceano sotterraneo di acqua liquida su Encelado, una delle lune di Saturno. Un team di ricercatori guidato da Gaël Choblet dell’Università di Nantes in France ha analizzato dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini concludendo che un nucleo poroso può essere un fatto chiave per generare calore per miliardi di anni sostenendo un ambiente potenzialmente favorevole alla vita.

La missione della sonda spaziale Cassini è terminata il 15 settembre 2017 lasciando un’enorme eredità di informazioni. Tra le grandi scoperte effettuate grazie a Cassini c’è quella dell’esistenza di un oceano sotto la superficie ghiacciata di Encelado. I dati raccolti sono estremamente interessanti ma presentano anche qualche problema riguardo alla possibilità di sostenere l’esistenza di quell’ambiente per un tempo lunghissimo senza che si congeli.

All’origine di tutto c’è la forza di gravità del pianeta Saturno che letteralmente deforma Encelado mentre si avvicina e allontana ad esso nella sua orbita ellittica. L’attrito generato nel nucleo della luna da quella deformazione scalda i ghiacci sotterranei tuttavia secondo i calcoli il calore perso a causa dei geyser che espellono acqua e altri materiali al polo sud di Encelado dovrebbe portare al congelamento di quell’oceano nel giro di circa 30 milioni di anni. Insomma, l’attività sarebbe terminata oltre 4 miliardi di anni fa.

Secondo gli autori di questa nuova ricerca la spiegazione potrebbe essere nella natura porosa del nucleo di Encelado. Quel tipo di struttura permetterebbe all’acqua di infiltrarsi al suo interno e di scaldarsi gradualmente grazie al calore prodotto dall’attrito generato dalla gravità di Saturno.

L’acqua all’interno del nucleo diventa caldissima e la rilevazione di piccolissimi granelli di roccia espulsi con i geyser indica reazioni chimiche che avvengono a temperature di almeno 90° Celsius. L’acqua più calda dell’ambiente circostante comincia a risalire finché il suo calore comincia a essere trasmesso al fondo dell’oceano.

L’oceano di Encelado potrebbe essere costellato di zone calde in cui l’acqua caldissima risale dalle profondità portando anche minerali. Al polo sud quell’acqua “sporca” viene espulsa nei geyser ma nelle altre aree dell’oceano i minerali potrebbero arricchire l’ambiente. Secondo i ricercatori, il processo è molto lento ma nel corso di milioni di anni tutta l’acqua presente nell’oceano di Encelado potrebbe passare attraverso il suo nucleo.

La presenza di sorgenti idrotermali viene considerata una delle possibili culle in cui sono nate le prime forme di vita sulla Terra e qualcosa di simile potrebbe essere successo su Encelado. È per questo motivo che quell’ambiente è ritenuto così interessante ed è stato al centro di un numero crescente di ricerche.

Nel corso della missione Cassini le caratteristiche di Encelado e del suo oceano sono state rilevate in maniera sempre più dettagliata. Secondo gli autori di questa ricerca, le loro conclusioni spiegano la presenza di un oceano sotterraneo, il fatto che la crosta di ghiaccio sia più sottile al polo sud e le attività idrotermali.

Non tutto è stato spiegato: ad esempio, non è ancora chiaro perché il polo nord di Encelado sia costellato di antichi crateri mentre il polo sud sia caratterizzato da una crosta relativamente nuova. Lo studio dei dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini continua e molti scienziati sperano in una nuova missione con strumenti più avanzati che possano fornire dettagli più accurati ma si tratta di progetti a lungo termine ancora tutti da discutere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *