È un successo il lancio del cargo spaziale russo Progress MS-6 verso la Stazione Spaziale Internazionale

Il cargo spaziale Progress MS-6 mentre decolla su un razzo Soyuz 2.1a (Immagine NASA TV)
Il cargo spaziale Progress MS-6 mentre decolla su un razzo Soyuz 2.1a (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Progress MS-6 è decollata su un razzo vettore Soyuz 2.1a dal cosmodromo kazako di Baikonur. Dopo circa nove minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. Il cargo spaziale ha iniziato la missione di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale indicata anche come Progress 67.

Il cargo spaziale Progress MS-6 trasporta un totale di quasi 2,5 tonnellate di rifornimenti di vario tipo tra cibo, acqua, aria, ossigeno, propellente e altro ancora come una serie di prodotti per l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, vari esperimenti scientifici, strumenti e hardware vario. Ci sono anche 4 piccoli satelliti che verranno messi in orbita dalla Stazione.

Il razzo vettore Soyuz 2.1a usato già da tempo per altre missioni spaziali russe è ora quello impiegato per lanciare tutti i cargo spaziali Progress. Fino alla precedente missione di rifornimento con il cargo spaziale Progress MS-5 veniva utilizzata anche la versione versione Soyuz U ma ora l’agenzia spaziale Roscosmos ne ha terminato l’utilizzo.

Per ora Roscosmos continua a usare la rotta che richiede due giorni di viaggio per le navicelle Progress. Si tratta di una scelta perché i test dei sistemi che devono essere usati nelle fasi successive al lancio per comunicare con le navicelle spaziali Progress e Soyuz per poter usare la rotta veloce da sei ore sono stati terminati da tempo.

La navicella spaziale Soyuz MS-04 lanciata il 20 aprile 2017 con due persone a bordo ha usato la rotta veloce ma i viaggi rapidi sono più importanti quando c’è un equipaggio che quando a bordo ci sono solo dei carichi. In passato Roscosmos aveva preferito sperimentare la rotta veloce con i cargo spaziali ma stavolta l’agenzia spaziale russa ha ritenuto che non ci fossero rischi nell’usarla per il viaggio della Soyuz.

In conseguenza della scelta di Roscosmos è previsto che il cargo spaziale Progress MS-6 raggiunga la Stazione Spaziale Internazionale venerdi, attorno alle 13.42 italiane. La Progress ha un sistema automatizzato di attracco perciò raggiungerà da sola il modulo Zvezda.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *