I cambiamenti ambientali del cratere Gale visibili nei campioni raccolti dal Mars Rover Curiosity

Area alla base del Monte Sharp (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)
Area alla base del Monte Sharp (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Earth and Planetary Science Letters” descrive uno studio dei primi campioni prelevati negli strati più bassi del Monte Sharp su Marte dal Mars Rover Curiosity della NASA. Un team di scienziati della divisoine ARES del Johnson Space Center della NASA ha confrontato i minerali trovati nei primi campioni analizzati, i quali mostrano le diverse condizioni ambientali che sono esistite nel corso del tempo.

Il Mars Rover Curiosity ha esplorato gli strati alla base del monte Sharp a partire dal settembre 2014 per continuare nei mesi successivi, durante il 2015. Vari campioni sono stati prelevati e analizzati, compresi alcuni che contenevano sedimenti che si sono accumulati in antichissimi laghi circa tre miliardi e mezzo di anni fa. Analisi spettroscopiche erano già state effettuate da sonde spaziali in orbita attorno a Marte con risultati interessanti perché mostravano variazioni nei minerali degli strati più bassi che suggerivano che c’erano stati cambiamenti nell’area.

Quelle e altre caratteristiche del monte Sharp l’avevano fatto diventare il primo obiettivo scientifico della missione Curiosity. Questo monte è al centro del cratere Gale, in cui Curiosity è atterrato nell’agosto 2012, che in tempi remoti era un lago. Alla fine del 2014 la NASA aveva presentato le prove dell’esistenza di quel lago e che il monte Sharp era il risultato di progressivi depositi di sedimenti nel letto del lago nel corso di decine di milioni di anni.

Le ricerche sono continuate grazie all’aggiunta di nuovi dati provenienti dall’esame di campioni raccolti dal Mars Rover Curiosity nel corso del tempo. Ora scienziati della divisione Astromaterials Research and Exploration Science (ARES) del Johnson Space Center della NASA hanno studiato le analisi dei primi campioni prelevati negli strati più bassi del monte Sharp per capire qualcosa di più dei cambiamenti delle condizioni di quell’ambiente acquatico nel corso del tempo.

Il confronto ha mostrato che quell’ambiente è cambiato nel corso del tempo, tanto che gli scienziati parlano di diversi ambienti presenti in tempi remoti nel cratere Gale. Ciò è coerente con le scoperte annunciate alla fine del 2014 visto che anche in quel caso i dati indicavano vari cambiamenti nell’ecologia dell’area con un ripetuto riempimento e successive evaporazioni di un lago nel corso di decine di milioni di anni.

I minerali mostrano le tracce di acque con diversi pH perché in certi casi sono stati rinvenuti minerali che si dissolvono a bassi pH e sono state rilevate diverse condizioni di ossidazione. Le rocce nelle aree chiamate “Pahrump Hills” e “Marias Pass” sono arrivate da regioni diverse, trasportate dall’acqua. Insomma, si tratta di un ambiente che in un tempo molto antico è stato particolarmente dinamico e soggetto a vari cambiamenti nel corso del tempo.

Nell’area chiamata “Buckskin” è stata trovata tridimite, una scoperta che fu sorprendente. A “Telegraph Peak” sono stati trovati minerali simili al quarzo. A “Confidence Hills” e “Mojave” sono stati trovati minerali argillosi, che si formano di solito in presenza di acqua con un pH vicino al neutro. Gli ultimi due campioni contengono tracce di un sale che si forma nelle soluzioni acide chiamato jarosite e ciò indica cambiamenti ambientali. Ci sono anche ossidi di ferro come l’ematite e la magnetite.

Questo studio comparato dei risultati ottenuti dal Mars Rover Curiosity nel corso degli anni scorsi ha fornito ulteriori informazioni sull’antichissimo ambiente del cratere Gale e soprattutto sui suoi cambiamenti. È un tipo di studio che continuerà perché Curiosity sta lentamente risalendo il Monte Sharp raccogliendo nuovi dati su quell’ambiente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *