La navicella spaziale russa Progress MS-6 ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale

L'attracco della Progress MS-6 vista dal cargo spaziale (Immagine NASA TV)
L’attracco della Progress MS-6 vista dal cargo spaziale (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Progress MS-6 è attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale nella missione indicata anche come Progress 67. Il cargo spaziale russo, decollato mercoledi scorso, trasporta cibo, acqua, esperimenti scientifici, propellente e hardware vario.

Il cargo spaziale Progress MS-6 è regolarmente attraccato al modulo russo Zvezda della Stazione Spaziale Internazionale usando il sistema automatico che permette alle navicelle russe l’attracco diretto. Probabilmente domani l’equipaggio procederà con l’apertura del portello e le procedure per far diventare la Progress MS-6 un’appendice della Stazione. A quel punto, potranno cominciare le operazioni di scarico.

Secondo i piani originali, il cargo spaziale Progress MS-6 doveva essere usato come una sorta di rimorchiatore spaziale per rimuovere il modulo russo Pirs ma l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha rimandato il piano a causa dell’ennesimo ritardo nel completamento del nuovo modulo Nauka. Si tratta di un laboratorio spaziale più avanzato, infatti è conosciuto anche come Multipurpose Laboratory Module (MLM).

In sostanza, la navicella spaziale Progress MS-6 doveva essere usata per far allontanare il modulo Pirs dalla Stazione Spaziale Internazionale, dato che il modulo Nauka verrà installato al suo posto. La procedura prevedeva che il cargo spaziale si sganciasse dal modulo Zvezda, attraccasse al modulo Pirs e usasse i suoi propulsori per allontanare entrambi dalla Stazione. A quel punto, la Progress MS-6 e Pirs sarebbero rientrati nell’atmosfera terrestre disintegrandosi.

In questo momento, la nuova data provvisoria per il lancio del modulo Nauka è verso la fine del 2018. È impossibile dire se davvero Nauka sarà pronto dopo tutti i ritardi accumulati nel corso degli ultimi anni. Se finalmente verrà lanciato secondo il nuovo programma, sarà il cargo spaziale Progress MS-9 a essere usato come rimorchiatore per eliminare il modulo Pirs.

Dato che quest’utilizzo della navicella spaziale Progress MS-6 è stato cancellato, la sua missione è sostanzialmente compiuta. Essa infatti non è in grado di tornare sulla Terra perciò verrà riempita di hardware guasto o comunque ormai inutilizzabile e spazzatura assortita e verrà fatta disintegrare rientrando nell’atmosfera terrestre. Quest’epilogo della missione avverrà probabilmente nel dicembre 2017 ma la data precisa dipende da vari fattori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *